Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

A19, Alfano: «Pronti per lo stato di emergenza»
Investimento da 30 milioni e 18 mesi di lavoro

Il ministro dell’Interno stamani a Palermo per un vertice sulla sicurezza con i prefetti della Sicilia occidentale. Tanti i temi affrontati: dal crollo del viadotto Himera lungo l'autostrada Palermo-Catania, all’emergenza migranti. Passando per la cattura di Messina Denaro. Salta l'omologa riunione in programma a Catania, per il voto all'Italicum

Rossana Lo Castro

Il crollo del viadotto sulla Palermo-Catania, i fatti di Milano, l’emergenza migranti con una lotta a 360 gradi alla «più macabra agenzia di viaggi al mondo», ma anche la cattura dell’ultima primula rossa, Matteo Messina Denaro. Il ministro dell’Interno, Angelino Alfano, stila l’elenco delle priorità del governo Renzi durante una visita a Palermo. L’occasione è un vertice sulla sicurezza con i prefetti della Sicilia occidentale e quelli delle forze dell’ordine.

E l’incontro con i giornalisti, convocati in prefettura in via Cavour, si apre con un annuncio. «Il governo è pronto alla dichiarazione dello stato di emergenza per consentire la costruzione della bretella di collegamento tra Palermo e Catania, la distruzione del viadotto crollato e la ricostruzione due viadotti». Il piano è già stato studiato dall’Anas, assicura il ministro, che snocciola i numeri del progetto. «I lavori potrebbero avere una durata compresa tra i 15 e i 18 mesi, per un investimento complessivo compreso tra 27 e 30 milioni».

Perché per il leader di Ncd, siciliano d’origine, quel progetto è «fondamentale, di grande importanza per dare una risposta ai siciliani che si trovano a vivere in due Sicilie completamente separate». Insomma per Alfano si tratta di «uno stato di reale emergenza» e il Consiglio dei ministri ha «tutto pronto» per la dichiarazione dello stato di emergenza. Quindi, adesso, la parola passa alla Regione siciliana, che, avverte il capo del Viminale, deve inviare «tutta documentazione» al governo.

Ma l’incontro con i giornalisti è per il numero due del governo Renzi anche l’occasione per affrontare i fatti di Milano, la devastazione ad opera dei black bloc. A chi gli chiede se la magistratura non sia stata troppo morbida nei confronti degli autori di una devastazione ripresa dalle tv di mezzo mondo Alfano replica: «Non è il caso di fare polemiche. In questo momento il Paese ha bisogno di unità e i poteri-ordini dello Stato devono lavorare insieme. L’auspicio è che i farabutti con il cappuccio vengano puniti con il massimo della pena possibile che, utilizzando l’ipotesi di reato di devastazione, è pari a 15 anni».

La Sicilia e l'Italia sono terre di accoglienza e il ministro non si sottrae alle domande sull’emergenza migranti. «L’Italia paga il conto della questione libica», ammette Alfano, sottolineando come sia «indispensabile che la comunità internazionale faccia tutto quanto in proprio potere per stroncare il traffico di esseri umani, impedendo la partenza barconi». Perché quella dei trafficanti di morte per il ministro dell’Interno è «la più macabra agenzia di viaggi del mondo». La ricetta per Alfano è un coinvolgimento di tutte le istituzioni locali, nazionali ed europee.

«Servono azioni mirate in Libia in un quadro di legalità internazionale», dice annunciando che il 7 maggio incontrerà il leader dell’Anci, Piero Fassino, e il presidente della Conferenza delle Regioni, Sergio Chiamparino. Un vertice per discutere delle «forme migliori per gestire l’accoglienza in Italia. Abbiamo fatto una battaglia e stiamo ottenendo i primi risultati sull’equa distribuzione degli immigrati in Europa. E’ chiaro avverte che la stessa equa ridistribuzione deve esserci anche tra regioni italiane».

Immancabile il tema dell lotta alla mafia in una terra come la Sicilia. Lo sa bene il ministro dell’Interno, che alla cattura del boss latitante Matteo Messina Denaro dedica un passaggio della sua conferenza stampa. «Lo sforzo di tutto lo Stato è massimo – spiega -. Il sequestro dei beni ai suoi prestanome e l’accerchiamento delle persone a lui vicine ci lascia ben sperare». Perché occorre «riaffermare la forza di uno Stato che sa vincere e anche l’inaugurazione, il prossimo 9 maggio della caserma dei carabinieri, nel covo di Riina a Palermo ne è un segno». 

Roma lo attende. In Parlamento c’è da affrontare il voto sulla legge elettorale. «La seconda metà della riunione era prevista a Catania – spiega il ministro congedandosi -, ma i voti in aula mi invitano ad andare a Roma al più presto, ma la riunione con prefetti e forze dell’ordine della Sicilia orientale – conclude – sarà aggiornata in tempo brevissimo».  

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

MeridioKids, la rubrica per i più piccoli

Un modo per creare comunità in questo periodo senza socialità. Nasce per questo MeridioKids, la rubrica di MeridioNews pensata per la quarantena di grandi e piccini. Istruttori di discipline sportive, artisti, disegnatori, animatori, pasticceri, maghi. A ognuno abbiamo chiesto di pensare un'attività o un gioco ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews