Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Turi Cordaro entra nudo nella base del Muos
Azione pacifica per spargere il sale

Il noto attivista pacifista, conosciuto anche come Turi Vaccaro, si trova all'interno della struttura militare. «Sta girando per la base nudo», raccontano gli attivisti riuniti in un presidio davanti ai cancelli. «Due hummer con militari statunitensi lo sorvegliano»

Carmen Valisano

Turi Cordaro, conosciuto anche come Turi Vaccaro, è entrato all'interno della base statunitense di Niscemi dove è stato costruito il Muos. «Prima sembrava che volesse arrampicarsi sulle antenne - raccontano i membri del movimento che si batte contro le parabole riuniti davanti la struttura in presidio - Ma non le ha scalate. Adesso sta girando per la base nudo». Nella struttura militare è in corso la costruzione dell'impianto satellitare; i lavori sono bloccati da una sentenza del Tar e dal sequestro imposto dalla procura di Caltagirone

Cordato stamani ha prima letto alcune pagine di un libro di Gandhi, quindi ha scavalcato la rete e si è diretto verso l'antenna più grande. Qui ha gettato del sale, da lui stesso estratto a Palermo. Quindi è salito su un albero, sotto il quale stazionano le forze dell'ordine, i marines e l'ambulanza.

Cordaro ha realizzato un viaggio di 400 chilometri a piedi nudi, in compagnia di un asino, per attuare una protesta pacifica. Il suo intento, dichiarato all'inizio della lunga marcia, è piazzare tre granelli di sale da lui distillati all'interno della base. Ma al suo arrivo a Niscemi, lo scorso 25 aprile, ha trovato anche la polizia. Il pacifista, infatti, è destinatario di un provvedimento di divieto di dimora nel territorio del Comune nisseno. 

«Due hummer con militari statunitensi lo sorvegliano; della polizia italiana ancora non c'è traccia», raccontano i manifestanti. Turi Cordaro già nel dicembre 2014 si era introdotto nella base Usa. In quell'occasione è stato ammanettato dal personale militare della base e consegnato alle forze dell'ordine

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews