Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Muos, il Riesame conferma il sequestro
Restano i sigilli al cantiere in base Usa

Il tribunale etneo ha rigettato la richiesta dell'avvocatura dello Stato. Il blocco era scattato lo scorso 1 aprile, disposto dalla procura di Caltagirone. «Gli attivisti hanno sempre sostenuto il pericolo che il Muos rappresenta e sono riusciti a dimostrarlo in tutte le sedi istituzionali, giudiziarie e politiche sinora coinvolte», spiegano gli stessi

Carmen Valisano

Restano i sigilli imposti al cantiere del Muos, l'impianto satellitare della marina militare Usa in costruzione a Niscemi. «Il tribunale del Riesame ha rigettato la richiesta dell'avvocatura dello Stato e mantenuto il sequestro», spiega Fabio D'Alessandro, uno dei membri del comitato No Muos niscemese. «Era un passaggio delicato e che aspettavamo con particolare ansia», sottolinea. I sigilli erano stati apposti lo scorso 1 aprile, su disposizione del procuratore di Caltagirone Giuseppe Verzera

«Il sequestro andava effettuato per impedire che la libera disponibilità dell'immobile aggravi le conseguenze del reato ancora in permanenza», è la motivazione avanzata dal magistrato. Il reato ipotizzato è quello indicato dal Tar di Palermo, che a febbraio ha dichiarato abusivi i lavori per la realizzazione dell'impianto, perché privi delle necessarie autorizzazioni paesaggistiche e «viziati da difetto di istruttoria». A questo si aggiunge la denuncia presentata dall'associazione antimafie Rita Atria che ha documentato la prosecuzione dei lavori nel cantiere, nonostante la sentenza. Già venerdì scorso il consiglio di giustizia amministrativa aveva rigettato la richiesta di sospensiva presentata dal ministero della Difesa

«Che l’impianto di guerra, a uso esclusivo degli Stati Uniti, sia stato costruito abusivamente dalla Us Navy trova ora una nuova conferma nella sentenza odierna che si pone in continuità con quanto già acclarato dal Tribunale amministrativo regionale, dal Consiglio di giustizia amministrativa e dalla procura della Repubblica di Caltagirone», scrivono i No Muos in un comunicato firmato dal coordinamento regionale. Un documento nel quale sottolineano quanto fatto in questi anni: «Gli attivisti hanno sempre sostenuto il pericolo che il Muos rappresenta e sono riusciti a dimostrarlo in tutte le sedi istituzionali, giudiziarie e politiche, sinora coinvolte».

«Questa decisione costringerà gli statunitensi a trovare altre carte, soprattutto politiche - conclude D'Alessandro - È un momento molto delicato, in cui la questione dei droni è calda». Il riferimento è alla morte dell'attivista Giovanni Lo Portogiovane cooperante palermitano scomparso tre anni fa. La settimana scorsa è arrivata l'ammissione del governo degli Stati Uniti: Lo Porto è rimasto ucciso durante un'operazione proprio con le cosiddette bombe intelligenti, organizzata dai servizi segreti Usa in Pakistan per smantellare una cellula terroristica.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews