Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Parte l'Atlante italiano dei conflitti ambientali
No Muos e No Triv al parlamento europeo

Un incontro a Bruxelles per raccogliere testimonianze e proposte dei comitati territoriali italiani. Uniti dall'avversità al decreto Sblocca Italia e alle politiche energetiche nazionali. «La questione ambientale è correlata alla questione meridionale», spiega la parlamentare europea Eleonora Forenza (Gue)

Andrea Turco

«Altro che comitatini, qui c'è un filo comune di proposte e di un modello di sviluppo diversi». Non nasconde la soddisfazione l'europarlamentare Eleonora Forenza, membro della commissione Ambiente Envi del Parlamento Europeo, per aver riunito a Bruxelles vari rappresentanti delle lotte territoriali che, dal sud al nord d'Italia, vedono coinvolte sempre più persone. L'occasione è stata data dal lancio europeo dell'Atlante italiano dei conflitti ambientali, un progetto messo su dal Centro Documentazione Conflitti Ambientali e dall'associazione A Sud. E all'incontro era presente anche un po' di Sicilia con il comitato No Triv/No Eni di Gela e il movimento No Muos.

«L'Atlante italiano dei confitti ambientali è la prima piattaforma web italiana geo referenziata, di consultazione gratuita, costruita assieme a dipartimenti universitari, ricercatori, giornalisti, attivisti e comitati territoriali - si legge sullo spazio online dell'iniziativa - che raccoglie le schede descrittive delle più emblematiche vertenze ambientali italiane. Dal Vajont a Casal Monferrato, da Taranto a Brescia, dalla Terra dei Fuochi alla Val di Susa, dalle zone di sfruttamento petrolifero alle centrali a carbone, dai poli industriali all’agroindustria, dalle megainfrastrutture alle discariche, un atlante delle emergenze ambientali italiane e delle esperienze di cittadinanza attiva in difesa del territorio e del diritto alla salute». Una mappatura partecipata e in continuo aggiornamento, pronta a raccogliere ulteriori segnalazioni.

Nelle parole di Marica Di Perri, dell'associazione A Sud, «l'atlante è uno strumento di ricerca e di lotta, battersi per il proprio territorio non è più una questione di ambientalismo ma di giustizia sociale». Le fa eco Forenza: «La questione ambientale è l'asse sul quale si può improntare la questione meridionale – sostiene l'europarlamentare -. La normativa europea consente di agire nelle contraddizioni e nei buchi della legislazione italiana».

Quel che è emerso dagli interventi dei vari attivisti presenti - dai No Triv calabresi alla Rete Stop Biocidio di Napoli al No Ombrina abruzzese - è innanzitutto una sfiducia quasi totale nelle politiche energetiche italiane, alimentata dalla recente approvazione dello Sblocca Italia. La volontà comune però non è solo quella di accomunare un elenco di sfortune e di scempi ambientali, bensì di fare rete. Sollecitata più volte, la commissione Ambiente ha prima annunciato un'ispezione parlamentare all'Ilva di Taranto, per poi appuntare alcune proposte. 

Come l'esigenza di una direttiva sulle bonifiche che sia organica e coerente e che rispetti il principio chi inquina paga, per la cui corretta applicazione si devono anche fermare le fonti inquinanti. Oppure la possibilità di disincentivi alle energie fossili e la necessità di rivedere le delibere sulla qualità sull'aria. E ancora: rivedere il meccanismo di procedura d'infrazione, perché molto spesso succede che l'Unione europea condanna ma l'Italia non si adegua, e tutto rimane immutato, se non nelle onerosissime multe che lo Stato è costretto a versare.

I comitati territoriali intanto si sono dati appuntamento per il 23 maggio a Lanciano, in Abruzzo, per una giornata di mobilitazione contro lo Sblocca Italia. Una lotta che si può vincere, a detta di molti, e che vede schierati insieme alla cittadinanza anche l'Anci e le Regioni. Tranne Basilicata e Sicilia.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews