Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Pa-Ct, Ryanair prepara studio di fattibilità
L'assessore incontra le società aeroportuali

Il collegamento aereo tra le due principali città siciliane sarà al centro del tavolo che si terrà domani all'assessorato alle Infrastrutture. Ci saranno Gesap e Sac, in rappresentanza degli scali di Palermo e Catania. Ma anche Comiso si fa avanti. Interessata la Fly Hermes. Intanto Confindustria lancia una class action

Redazione

In attesa delle bretella da tre chilometri - per cui il tempo stimato è di tre mesi - e la ben più lunga attesa per la ricostruzione del viadotto Himera - tra i 18 e i 24 mesi secondo il ministero delle Infrastrutture - la politica discute del collegamento aereo tra Palermo e Catania. Preso in seria considerazione come alternativa per unire le due principali città siciliane, a seguito della chiusura di un tratto di autostrada A19. Dopo gli annunci del sindaco di Catania Enzo Bianco e di Fabio Giambrone, numero uno della Gesap, la società che gestisce lo scalo di Palermo, arriva il momento degli incontri.

Domani l'assessore regionale alle Infrastrutture, Giovanni Pizzo, incontrerà la Gesap e la Sac, la società a partecipazione pubblica che si occupa dell'aeroporto Fontanarossa e di quello di Comiso tramite la controllata Soaco. «Chiederò loro di illustrare in maniera concreta e puntuale le ipotesi percorribili sul collegamento aereo Palermo-Catania. Bisogna capire qual è il numero di frequenze, i posti disponibili per i passeggeri e che tipo di servizi connessi possono essere previsti». Il tavolo è previsto a mezzogiorno nella sede dell'assessorato a Palermo. 

Oggi intanto Giambrone, presidente della Gesap, ha discusso a Palermo con i vertici di Ryanair. La compagnia irlandese si sarebbe impegnata a realizzare uno studio di fattibilità per il collegamento aereo e avrebbe garantito che entro la fine del mese incontrerà il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando. 

Non solo Palermo e Catania. In queste ore anche Comiso si fa avanti. E' il deputato dell'Udc Orazio Ragusa a chiedere l'istituzione di un collegamento tra l'aeroporto ragusano e Palermo, per alleggerire il traffico del Sud-est della Sicilia. Anche questo sarà oggetto di confronto domani in assessorato a Palermo. A questo fine al tavolo dovrebbe partecipare anche la compagnia Fly Hermes, che sarebbe disponibile a prevedere il volo. «La riunione di domani - afferma Ragusa - dovrà consentirci di comprendere se ed in che modo l’area iblea, allo stato attuale più marginalizzata del solito dal punto di vista infrastrutturale, potrà rientrare in questo contesto di alleggerimento dei tempi di percorrenza del tragitto verso le aree del Palermitano».

Intanto importanti organizzazione di Palermo e Trapani - quali Cisl, Confcommercio, Confindustria, Adiconsum e Confartigianato - hanno avviato una class action contro la pubblica amministrazione per i danni economici causati dalla chiusura dell'autostrada. E' stato dato mandato all'avvocato Alessandro Palmigiano di agire affinché la pubblica amministrazione si attivi immediatamente per risolvere il disservizio. La legge prevede che qualora non vi sia risposta, o un programma di intervento, entro 90 giorni dalla diffida, le associazioni che fanno ricorso possono chiedere al tribunale amministrativo di emettere un provvedimento, nominando anche un apposito commissario che possa, sulla base delle risorse esistenti, supplire all'eventuale inerzia o ai ritardi della pubblica amministrazione. 

Ma le organizzazioni vanno oltre, ipotizzando la richiesta di risarcimento nei confronti di Anas, o di altri soggetti. «È evidente - si legge in una nota congiunta - che Anas, quale ente proprietario dell'autostrada, aveva un preciso obbligo di manutenzione in maniera diligente e costante. Se emergerà dagli atti che vi erano, o vi potevano essere, delle avvisaglie di questo crollo e che Anas (o altri enti) non ha fatto tutto quanto in suo potere per intervenire, è evidente che ciò la potrebbe esporre a delle azioni risarcitorie da parte dei cittadini o dalle imprese danneggiate».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

MeridioKids, la rubrica per i più piccoli

Un modo per creare comunità in questo periodo senza socialità. Nasce per questo MeridioKids, la rubrica di MeridioNews pensata per la quarantena di grandi e piccini. Istruttori di discipline sportive, artisti, disegnatori, animatori, pasticceri, maghi. A ognuno abbiamo chiesto di pensare un'attività o un gioco ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews