Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Muos, avvocatura Stato presenta lettera degli Usa
Attesa nelle prossime ore la decisione del Cga

Il Consiglio di giustizia amministrativa deciderà sulla richiesta di sospensiva - presentata dal ministero della Difesa - della sentenza del Tar di Palermo che ha dichiarato abusivi i lavori dell'impianto di telecomunicazione. Intanto oggi il comando militare degli Stati Uniti ha fatto arrivare una missiva in cui chiede di accedere al sito, sotto sequestro, per gestire i software e occuparsi della manutenzione

Salvo Catalano

Il Consiglio di giustizia amministrativa deciderà nelle prossime ore, al massimo entro domani, sulla richiesta di sospensiva della sentenza del Tar di Palermo presentata dal ministero della Difesa. I giudici dovranno esprimersi cioè sugli effetti della storica decisione che il 13 febbraio scorso ha dichiarato abusivi i lavori per la realizzazione del Muos di Niscemi. La richiesta del ministero è che vengano congelate le conseguenze che potrebbero portare pure alla demolizione dell'impianto militare di telecomunicazioni Usa. In cambio la Difesa si impegnerebbe a non mettere in funzione le parabole. 

Stamattina davanti al Cga l'avvocatura dello Stato ha presentato una lettera per conto del comando militare degli Usa. Una missiva in cui si chiederebbe l'accesso al sito con urgenza per ragioni legate alla manutenzione degli impianti e di gestione dei software. Non riuscirebbero cioè a eseguire le operazioni necessarie solo tramite remoto. 

Alla richiesta degli Stati Uniti si sono opposti gli avvocati del movimenti No Muos, Nello Papandrea e Paola Ottaviano. «E' fuori tempo massimo», spiega Papandrea che sottolinea anche la mancanza di una spiegazione basata su elementi tecnici. «Dire di avere l'urgenza di accedere, pena il rischio che l'impianto venga danneggiato, senza però allegare alcuna relazione tecnica, non rappresenta una prova».

Si aspetta una decisione del Tar nelle prossime ore. «Anche se - precisa il legale - qualunque decisione prendano i giudici, se sospendere o no gli effetti della sentenza del Tar, resta il sequestro che è un decreto penale. E finché è vigente quello, qualsiasi decisione non aggiungerebbe nulla».

Intanto, è stata fissata per l'8 luglio l'udienza del Cga che dovrà decidere sul merito della sentenza del Tar di Palermo. Stamani davanti alla sede del Consiglio di giustizia amministrativa erano presenti anche gli attivisti No Muos con un presidio. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews