Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

La marcia #Nomuos di Turi Cordaro (fu Vaccaro)
A piedi da Palermo a Niscemi, in tempo per il 4 aprile

Quattrocento chilometri da percorrere scalzo in compagnia di un asino, «in ricordo della marcia del sale di Gandhi nel 1930». E' l'impresa che il noto pacifista sta portando a termine in questi giorni, nonostante rischi l'arresto per un divieto di dimora che lo attende nella città nissena. Partito senza telefono, le uniche notizie sul suo conto vengono dai contadini e pastori 

Leandro Perrotta

«Partenza da Palermo il 12 marzo, arrivo a Niscemi il 4 aprile. Asino Calò permettendo, sennò il 25 aprile». Il viaggio da 400 chilometri a piedi, scalzo, e in compagnia di un asino lo sta completando il pacifista Turi Cordaro, già noto come Vaccaro - nome abbandonato perché richiama alla violenza sugli animali -, e pianificato solo su un foglio di quaderno

Poche righe, fatte arrivare a metà marzo tramite Whatsapp ai militanti dei Comitati No Muos, per informarli dell'ennesima impresa nella lotta contro il mega impianto di antenne satellitari dell'esercito Usa costruito in contrada Ulmo a Niscemi. Città dove, per essersi arrampicato sulle antenne in una delle tante manifestazioni di protesta, non può ora teoricamente più andare a causa di un divieto di dimora. Che potrebbe portare al suo arresto una volta arrivato a Niscemi, in tempo per la grande manifestazione organizzata dai comitati siciliani.

«Contro le antenne inquinanti e offensive, adibite al controllo dei droni e sottomarini armati di missili nucleari. Il Tar ha ordinato la sospensione dei lavori ma gli Usa li continuano come niente fosse», è la motivazione dell'impresa spiegata nella lettera. Il tutto arricchito anche da un anniversario: gli 85 anni della «marcia del sale di Gandhi, dal 12 marzo al 6 aprile del 1930».

«Sappiamo solo che è in viaggio, ogni tanto ci arriva qualche notizia, ma la persona che lo segue, Maurizio, ha perso il telefono: Turi non lo usa - spiega Fabio D'Alessandro del comitato No Muos di Niscemi - Adesso sono a Marianopoli, e dovrebbero arrivare in tempo per il 4 aprile». Una data che resta comunque in dubbio «a causa della lentezza dell'asino: le poche volte che sono riuscito a sentirlo, ho capito che era più veloce lui dell'animale».

«In realtà è normale che sia così: l'asino riconosce che Turi non è una persona autorevole, che non è un cavaliere esperto. E non lo ascolta», spiega Federico Price Bruno, noto per il suo progetto Eco Mulo che qualche anno fa lo ha portato dalla Sicilia fino al Quirinale a Roma, cavalcando. E che ha pubblicato recentemente su Facebook una delle rare foto dell'impresa, scattata nei pressi di Prizzi

Turi Cordaro (Vaccaro)

«Diciamo che sto seguendo l'impresa di Cordaro tramite i miei contatti sul territorio - spiega Price Bruno -. La mia gente sono agricoltori, cavalieri e pastori in giro per la Sicilia, e lo "tengono d'occhio" anche se lui non lo sa», afferma Price Bruno. «Le ultime informazioni le ho avute dal figlio di un pastore quando era a Castronuovo: le notizie poi fra di noi corrono più veloci che su Internet», conclude il creatore del progetto Eco Mulo. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

MeridioKids, la rubrica per i più piccoli

Un modo per creare comunità in questo periodo senza socialità. Nasce per questo MeridioKids, la rubrica di MeridioNews pensata per la quarantena di grandi e piccini. Istruttori di discipline sportive, artisti, disegnatori, animatori, pasticceri, maghi. A ognuno abbiamo chiesto di pensare un'attività o un gioco ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews