Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Vittoria calcio interviene sulla rissa col Paternò
Il presidente: «Mi vergogno dei miei giocatori»

Domenica la partita del campionato di Eccellenza era stata sospesa. Il video ha fatto il giro del web, in Italia e all'estero. Così la società biancorossa interviene sulla vicenda: le responsabilità sarebbero dei singoli giocatori, mentre il presidente annuncia che lascerà a fine stagione

Andrea Gentile

Il video della rissa a fine primo tempo della partita del campionato di Eccellenza tra Vittoria e Paternò è stato visualizzato ovunque. Persino il quotidiano sportivo spagnolo El mundo deportivo lo ha pubblicato nella sua versione web. La partita era stata sospesa dal direttore di gara Claudio Iapichino, con le espulsioni di sette giocatori per parteIl giudice sportivo ha deciso di assegnare oltre 56 giornate di squalifica complessive e per entrambe le squadre è stata decretata la sconfitta a tavolino e una multa di oltre seicento euro. «Mi vergogno dei miei giocatori», dichiara in conferenza stampa il presidente del Vittoria calcio, Salvatore Barravecchia, secondo cui le responsabilità sarebbero solo dei singoli coinvolti.

La polemica si era inacerbita nel corso della settimana. Le squalifiche, contestate da entrambe le società, hanno colpito anche giocatori non effettivamente coinvolti nella rissa – e non sanzionato, ad esempio, uno degli aggressori, il numero otto biancorosso De Guido. Per le due squadre, in lotta per una posizione favorevole nei play-out (che gli consenta di evitare la retrocessione), sorgono difficoltà riguardo la formazione da schierare nel prossimo turno di campionato. Preoccupazioni che sembrano irrilevanti, considerate le conseguenze che la vicenda ha scatenato.

Ieri pomeriggio si è tenuta, allo stadio comunale Cosimo, la conferenza stampa dell'associazione calcistica dilettantistica Vittoria. Una presa di posizione pubblica, considerato il clamore della vicenda. Il presidente Barravecchia annuncia che lascerà la guida della società alla fine della stagione. Per lui, la responsabilità di quanto accaduto è dei singoli giocatori. «Voglio che paghino come si deve, non voglio che sia la città di Vittoria a pagare tali raptus di follia».

«Tre dei giocatori coinvolti (Esposito, il numero 10, uno dei protagonisti dell'aggressione; Sgambato e Santarpia, ndrnon fanno più parte dell'organico della squadra», continua Barravecchia, anch'egli squalificato, per «contegno irriguardoso» nei confronti dell'arbitro. «Per quanto riguarda De Guido, saranno gli esiti giudiziari a pronunciarsi», aggiunge, spiegando che attende con fiducia le indagini, a cui collaborerà fornendo il video che è stato poi condiviso sul web.

Il capitano De Vito, a nome della squadra biancorossa, si scusa pubblicamente per l'accaduto. Insieme a Barravecchia ribadisce poi il massimo impegno per l'obbiettivo del finale di stagione: la salvezza. Anche l'allenatore Seby Catania, ascoltato ai microfoni di un'emittente locale, sembra concentrato soprattutto sul proseguimento del campionato. Giudica «surreale» il clima presente, dopo la fatica per trovare l'equilibrio in pochi mesi, dopo il cambio di tecnico e di un numero consistente di giocatori. Incalzato sulla vicenda, commenta: «Mi dispiace che i miei giocatori passino per vittime, non è così. Chi ha perso è comunque il calcio».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×