Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

La polizia denunciata per la scorta a militari 
«Suo compito è far rispettare sentenze»

Nonostante il Tar abbia dichiarato abusivi i lavori per la realizzazione dell'impianto Usa, gli interventi continuano. «Assistere a condotte illecite che disattendono quanto sancito da una sentenza senza intervenire, addirittura scortando gli operai, costituisce senz’altro rifiuto di atti d'ufficio», si legge nella denuncia

Salvo Catalano

«Compito della polizia di Stato è far rispettare a chiunque le leggi e le sentenze italiane, e di rappresentare alla competente autorità giudiziaria ogni reato o atto penalmente rilevante; tuttavia, non risulta che tutto ciò sia stato fatto». L'associazione antimafie Rita Atria passa alle vie giudiziarie, denunciando alla locale Procura la polizia di Caltanissetta per quanto sta succedendo nelle ultime settimane a Niscemi, dove gli agenti continuano a scortare operai italiani e militari statunitensi dentro la base americana. Questo nonostante la recente sentenza del Tar di Palermo abbia dichiarato «l'illegittimità di tutti gli atti amministrativi che hanno portato alla costruzione del Muos», l'impianto satellitare di comunicazioni militari. Eppure i lavori vanno avanti. 

L'accusa nei confronti della polizia è omissione d'atti d'ufficio, secondo quanto prevede l'articolo 328 del codice penale. «Risulta chiaro - si legge nella denuncia presentata dal legale Goffredo D'Antona - che l’assistere passivamente a condotte illecite che disattendono quanto sancito da una sentenza senza intervenire, addirittura scortando gli operai che si mettano al lavoro dentro la base, costituisce senz’altro rifiuto» dei propri doveri d'ufficio. Questo, sottolinea l'associazione Rita Atria, a prescindere da «una previa richiesta» o da «un ordine».

Che i lavori stiano continuando ne danno prova numerosi video. Ad esempio quello realizzato lo scorso 26 febbraio. «Un convoglio di militari ed operai - si spiega nella denuncia - è stato scortato dalla polizia comandata dal dirigente del commissariato di Niscemi all'interno della base, spostando i cittadini che stazionavano nei pressi del cancello d'ingresso. Subito dopo l'ingresso dei militari e degli operai sono state notate attività di puntamento delle parabole del Muos allo stato assolutamente illecite». Il tutto davanti e con l'accompagnamento della polizia.

Per segnalare questa situazione, veniva inviato un atto monitorio, cioè un avvertimento, al ministro degli Interni, alla Questura di Caltanissetta e al commissariato di Niscemi. «Ma non sortiva nessun effetto - precisa l'associazione - Anzi continuava la scorta della polizia italiana agli operai che continuavano a lavorare dentro la base illegittima».

«Apparirebbe inverosimile - si legge nella denuncia - che da un lato la polizia scorti operai in un sito dove non si può in alcun modo operare, e dall’altro lato segnali le stesse persone all’autorità giudiziaria. E’ ovvio, pertanto, che la condotta della polizia in queste occasioni non ha, quantomeno, quel contenuto di trasparenza assolutamente opportuno. Simile atteggiamento indebolisce lo Stato e le sue istituzione democratiche, in quanto non si può pretendere il rispetto delle leggi, delle norme del contratto sociale se una delle istituzioni preposte a ciò da segni di ambiguità». 

«In Sicilia - commenta l'avvocato D'Antona - per difendere le Istituzioni sei costretto a denunziare quelle istituzioni che violano il dovere di fedeltà alla Repubblica Italiana. Se questa è la polizia di Caltanisetta, e sappiamo che comunque non lo è, non dovrebbe stupire l’alta densità mafiosa di quella provincia. Far passare il messaggio che rivolgersi alla Giustizia è inutile, legittima, illecitamente, il ricorso ad altri mezzi, il ricorso all’amico, il ricorso al potente, il ricorso alla violenza. E proprio per questo motivo, sia pur un certo disagio, abbiamo deciso di denunziare quella polizia. Quella polizia che a nostro avviso sta violando i principi cardine di uno stato di diritto, il rispetto delle leggi e delle sentenze, e il rispetto della sovranità nazionale». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

MeridioKids, la rubrica per i più piccoli

Un modo per creare comunità in questo periodo senza socialità. Nasce per questo MeridioKids, la rubrica di MeridioNews pensata per la quarantena di grandi e piccini. Istruttori di discipline sportive, artisti, disegnatori, animatori, pasticceri, maghi. A ognuno abbiamo chiesto di pensare un'attività o un gioco ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews