Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Sanità, il governo Crocetta si arrende al Tar
Cantaro e Pellicanò al Policlinico e al Cannizzaro

Non ci sarà ricorso alla sentenza dei giudici amministrativi. I due manager potranno insediarsi nelle aziende ospedaliere di Catania nei prossimi giorni. Si chiude così una vicenda lunga e complessa, fatta di cavilli giuridici e una lotta di potere all'interno della maggioranza 

Redazione

Foto di Ralf

Foto di Ralf

Qualche mese fa il presidente Rosario Crocetta aveva affermato: Sul caso dei manager della sanità catanese stiamo rispettando la legge, abbiamo anche un parere dell’avvocatura dello Stato. Evidentemente non è bastato vista la sentenza del Tar che dà ragione ad Angelo Pellicanò e Paolo Cantaro. Oggi il governo regionale trona dunque sui suoi passi, decidendo di dare esecuzione alla decisione dei giudici amministrativi, rinunciando a impugnare la sentenza davanti al Consiglio di giustizia amministrativa. Nei prossimi giorni i due manager si insedieranno, entrambi a Catania e rispettivamente Pellicanò al Cannizzaro e Paolo Cantaro al Policlinico.

Si chiude così una vicenda lunga e complessa. Qualche mese fa Pellicanò e Cantaro vengono nominati dal governo regionale ai vertici dell’'azienda ospedaliera Cannizzaro di Catania e del Policlinico universitario Vittorio Emanuele. Alle nomine, però, non fanno seguito le firme dei contratti. Un interregno che dura fino a quando il governo nazionale emana un decreto legge che introduce l'’inconferibilità degli incarichi ai dirigenti in pensione. Decreto, voluto dal governo di Matteo Renzi, che ostacola l'insediamento di Pellicanò e Cantaro che sono proprio dirigenti in pensione. 

I due sono stati quindi sostituiti da Giampiero Bonaccorsi (nominato al Policlinico) e da Francesco Garufi (al Cannizzaro). Ma sono scattati i ricorsi che Cantaro e Pellicanò hanno vinto. E il governo regionale non ha potuto che prenderne atto. 

Al di là dei cavilli giuridici e amministrativi, sullo sfondo di questa vicenda si materializza l'ennesima disputa politica. Considerati entrambi vicini al Pd, la mancata firma dei contratti dopo la nomina e il successivo avvicendamento sulla scia della sopraggiunta legge nazionale, è sembrata frutto di uno scontro all'interno della maggioranza. A pagare è stata la sanità catanese, per lunghi mesi rimasta paralizzata priva della possibilità di programmare seriamente il futuro. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×