Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Dolce e Gabbana, no alle adozioni per coppie gay
Arcigay: «Non si sono mai battuti per i diritti Lgbt»

«Niente figli della chimica», hanno dichiarato i due stilisti a Panorama. «Anni fa, con tanto di foto attorniati da bambini, dichiararano esattamente il contrario», commenta Alessandro Motta, presidente di Arcigay Catania, che fa un'amara considerazione: «Essere omosessuali non significa occuparsi di diritti civili»

Leandro Perrotta

«Niente figli della chimica: la famiglia è quella tradizionale». Parola di Domenico Dolce e Stefano Gabbana. I due stilisti, entrambi omosessuali e in passato legati sentimentalmente, hanno rilasciato la dichiarazione al settimanale Panorama. Riaprendo, nella posizione di coppia percepita dal grande pubblico come simbolo di lesbiche, gay, bisessuali e transgender, un dibattito sul tema che, in gran parte d'Europa, sembra ormai avviato verso una normalizzazione, consentendo alle coppie omosessuali sposate l'adozione. 

La notizia è stata accolta con perplessità in Sicilia, terra di origine di Domenico Dolce e prima regione d'Italia ad approvare, la scorsa settimana, una legge sulle unioni civili. Secondo Alessandro Motta, presidente di Arcigay Catania, «la vicenda va presa per quello che è: sia che si tratti di una provocazione, o di un tentativo pubblicitario, o di una loro convinzione personale, sono parole che vengono da due persone che non si sono mai occupate di diritti Lgbt». In passato, ricorda Motta, proprio i due stilisti «si erano invece fatti fotografare circondati da bambini, sostenendo l'esatto contrario in merito alle adozioni». 

Un atteggiamento che comunque non passa inosservato, perché secondo il presidente di Arcigay Catania «ribadisce purtroppo una cosa già evidente da tempo: il problema dei diritti civili viene superato dalle possibilità economiche. Per chi ha ampie disponibilità di denaro non esistono diritti assenti. E Il fatto di essere omosessuali non implica un interesse ai temi, come dimostrano loro», conclude Alessandro Motta.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×