Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Gela, un'ambulanza scambiata per messaggio pro­ Isis
Basta una scritta in arabo per alimentare la paura 

Col progetto destination checkpoints protagonista è un'ambulanza palestinese, sulla cui fiancata vengono proiettate immagini dei dispositivi di controllo e sicurezza che Israele mette in pratica in Cisgiordania. In giro per la Sicilia ha suscitato interesse. A Gela è stata persino scambiata per un invito del Califfato islamico

Andrea Turco

In questi giorni in giro per varie città siciliane vi sarà capitato di incontrare una strana ambulanza araba, sulla cui fiancata sono proiettate foto e video dei dispositivi di controllo e sicurezza in Cisgiordania. Si tratta del progetto Destination checkpoints, a cura dell'artista ginevrina Ariane Arlotti sin dal 2009. 

Dopo aver fatto tappa a Catania, Niscemi, Gela ed Enna, oggi 11 marzo sarà presente a partire dalle 18 a Palermo. Anche nel capoluogo siciliano verranno trasmesse in loop le immagini delle conseguenze del conflitto israelo­palestinese. «La sicurezza è infatti, per Israele e non solo, un enorme business – spiega Ariane Arlotti - E va in parallelo con un altro grande business, il turismo. Ecco perché continuo ad interessarmi a questi dispositivi». 

Chissà se l'artista svizzera aveva previsto che il suo progetto venisse scambiato per un messaggio a favore dell'­Isis, lo Stato islamico la cui avanzata preoccupa l'Occidente. E' avvenuto a Gela, dove il bus­ambulanza ha sostato l'8 e il 9 marzo, di ritorno dalla manifestazione delle donne No Muos a Niscemi. In molti hanno manifestato sui social network paura e messaggi sprezzanti. Qualcuno invitava persino le forze dell'ordine a intervenire. Molti dei commenti sono stati poi cancellati dagli utenti quando si è chiarito che il terrorismo non c'entrava nulla. Anche parte dell'informazione locale ha alimentato le tensioni.

«La mia ambulanza è tipicamente palestinese, si possono trovare facilmente foto su internet – spiega ancora Arlotti - Il fatto è che le scritte in arabo fanno di certo più paura alla gente perché c'è politicamente un'associazione molto rapida tra arabo e terrorismo, che i politici cavalcano senza vergogna dall'11 settembre 2011. Nei fatti parliamo molto, molto meno del terrorismo occidentale, ad esempio, o di quello degli Stati Uniti, per fare un altro esempio». 

Che fosse facile non cascare in questa associazione lo conferma anche Jerry Italia, addetto stampa del comune di Gela che è stato tra i primi a segnalare l'equivoco. «E' bastato fare una ricerca su Google immagini». Per poi puntare il dito contro i colleghi. «Mi pare che stiamo vivendo un corto circuito dell'informazione, dove la fretta di dare la notizia supera la necessità di basarla su fonti attendibili. L'importante è raccogliere quanti più click e condivisioni possibili». 

In ogni caso lo scopo dichiarato di Ariane Arlotti è stato raggiunto. «In ogni posto – è la sua teoria – la mia ambulanza può creare domande ed il mio interesse è scambiare con la gente pareri e preoccupazioni quotidiane sul problema della sicurezza. Sono venuta in Sicilia perchè la Sicilia è uno dei più importanti checkpoints europei».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×