Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Almaviva, interrogazione parlamentare di Sel
Palazzotto: «Giochi sleali sulla pelle dei lavoratori»

Più di 1700 questo mese potrebbero perdere il lavoro. «Un'emergenza sociale» per il deputato di Sinistra, ecologia e libertà. Che sottolinea come la trattativa non si possa giocare sulla concorrenza ai call center dell'Est Europa. «Basta tweet e hashtag, abbiamo bisogno di azioni concrete», affonda la sindacalista Cgil Rosalba Vella

Roberta Zarcone

Dopo la presidente della Camera Boldrini, e il sottosegretario Graziano Delrio, i lavoratori del call center Almaviva ricevono anche il sostegno del deputato nazionale Erasmo Palazzotto (Sel) che proprio ieri ha presentato un'interrogazione al ministro dello Sviluppo Economico Federica Guidi. Così continua il calvario per i dipendenti palermitani del call center, che nel giro di qualche settimana potrebbero perdere il lavoro se il colosso delle telecomunicazioni Wind dovesse decidere di delocalizzare completamente il suo servizio clienti e le altre attività affidate all'azienda. «Questi lavoratori hanno già subito numerose umiliazioni tra cui una cospicua riduzione dello stipendio per tamponare la situazione, cosa ancora dovranno sopportare? - attacca Erasmo Palazzotto - Non si può svalutare oltre il loro lavoro». Sono più di 1700 i lavoratori che questo mese potrebbero perdere il lavoro in una regione che già vanta un primato in termini di tasso di disoccupazione, che in base agli ultimi studi sfiora il 35 per cento.

Erasmo Palazzotto ha offerto il suo sostegno chiedendo ufficialmente al ministro quali iniziative si potrebbero intraprendere per non aggravare quella che lui definisce «un'emergenza sociale»: «Non possiamo assolutamente permetterci di fare concorrenza ai paesi dell'Est - sottolinea il deputato nazionale -, sarebbe una concorrenza al ribasso che si giocherebbe sulla pelle di lavoratori. È quindi la Sicilia quella che si deve adeguare all'Albania? La cosa più grave - conclude - è che a prescindere dall'esito della gara d'appalto, saranno i dipendenti a pagare le conseguenze del gioco al massacro per garantire e mantenere i profitti sia della Wind che di Almaviva».

«Tutto il sostegno che riceviamo a livello politico è un segnale ancora debole, ma sicuramente positivo - afferma Massimiliano Fiduccia, rsu Cgil - Siamo però stanchi delle pacche sulle spalle, abbiamo bisogno di risposte concrete». Rosalba Vella, Cgil, va all'affondo: «Basta tweet e hashtag, noi abbiamo bisogno di azioni concrete. Abbiamo bisogno che le istituzioni facciano rispettare le regole e facciano pagare le sanzioni a chi fa concorrenza sleale all'Italia». I sindacalisti, insieme ai colleghi e ai dipendenti, sono in contatto con tutte le forze politiche, da destra a sinistra, e hanno persino incassato il sostegno di papa Francesco.

Ma la partita si gioca su un filo sottile: «Il sottosegretario Graziano Delrio ci ha promesso che verranno riaperti tavoli di discussione al MiSe, visto che il nostro settore ancora non ha una rigida regolamentazione - continua Fiduccia - a un certo punto avevamo dalla nostra il garante della privacy che avrebbe dovuto far rispettare le regole sulla gestione dei dati sensibili, che per esempio nell'est Europa sconoscono, ma non sussistono delle sanzioni concrete e per di più lo stesso garante va a discutere con l'Albania per contrattare con loro. Noi non molliamo - conclude il sindacalista - abbiamo fatto e faremo di tutto per non perdere il nostro posto di lavoro. Oggi incontreremo l'assessore al Lavoro Giovanna Marano, e il sindaco Leoluca Orlando ci ha mandato una lettera di sostegno. Li ringraziamo perché hanno avuto un ruolo attivo. A giorni aspettiamo conferma per incontrare anche il presidente della Regione Rosario Crocetta».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

La mafia nel Siracusano

La provincia di Siracusa - soprattutto la parte Sud, tra Noto, Pachino e Avola - deve fare i conti con una criminalità organizzata che condiziona sempre più le attività economiche, a cominciare dall'agricoltura

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.