Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Ispezioni in tutti i punti nascita della Sicilia
Per verificarne i requisiti strutturali

Dopo la morte della piccola Nicole, l'assessore alla Salute Lucia Borsellino ha deciso il monitoraggio a tappeto. Ad occuparsi delle ispezioni saranno i dipartimenti Attività sanitarie e Pianificazione strategica dell'assessorato

Redazione

Ispezioni a tappeto in tutti i punti nascita, pubblici e privati, della Sicilia. E' quanto ha disposto l'assessore alla Salute Lucia Borsellino per verificare «l'effettivo adeguamento ai requisiti strutturali stabiliti dalla legge».

E' l'ultima conseguenza del terremoto nel settore della Sanità regionale provocato dal caso della piccola Nicole, la neonata morta lo scorso 12 febbraio in un'ambulanza dopo non aver trovato posti liberi nelle Unità di terapia intensiva neonatale di Catania. Ad occuparsi delle ispezioni saranno i dipartimenti Attività sanitarie e Pianificazione strategica dell'assessorato, spetterà a loro valutare se le strutture rispettano gli standard previsti. 

Ciò verrà fatto anche alla luce dell'ultima rilevazione effettuata dallo stesso assessorato a settembre del 2014 sulla base di 40 standard e 150 indicatori di misurazione concordati con l'agenzia nazionale per i servizi sanitari. In quell'occasione «i centri nascita - si legge in una nota dell'assessorato - collegati in rete, sono stati chiamati a definire specifici piani di miglioramento con azioni, tempi, indicatori di monitoraggio, con l'individuazione dei referenti responsabili».

La decisione di Borsellino arriva il giorno dopo la sua difesa all'Assemblea regionale siciliana e la durissima relazione del ministro della Salute Beatrice Lorenzin alla Camera. Quest'ultima ha parlato di gravi inefficienze e ha annunciato che il ministero «affiancherà e coadiuverà la Regione per mettere in atto il protocollo e garantire la sicurezza dei cittadini. Sarà seguito un percorso chiaro ed evidente a tutti - ha proseguito - Ci aspettiamo al più presto provvedimenti dalla Regione Sicilia, altrimenti li prenderà in via definitiva il ministero».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews