Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Muos, fuochi pirotecnici per il lancio del satellite
Denunciati 5 attivisti per esplosioni pericolose

Fuochi pirotecnici legali davanti al cancello della base Usa. Così iI 20 gennaio alcuni attivisti hanno risposto alla messa in orbita del satellite che permetterà il funzionamento dell'impianto satellitare militare. «I militari hanno portato i filmati alla polizia che ci ha denunciati senza neanche verificare», affermano i protagonisti della vicenda. Guarda le foto

Salvo Catalano

Foto di: Comitato No Muos Niscemi

Foto di: Comitato No Muos Niscemi

Lo scorso 20 gennaio, al lancio del satellite che garantirà la piena funzionalità del Muos, gli attivisti hanno risposto con il lancio di quattro fuochi pirotecnici davanti al cancello della base statunitense di Niscemi. Un'azione simbolica e di protesta che, ancora una volta, è costata una denuncia per cinque persone. Per loro l'accusa è esplosioni pericolose e lancio pericoloso di oggetti.

Gli attivisti si difendono, pubblicando le foto che dimostrano che quei petardi avevano ben poco di pericoloso, trattandosi di «artifici pirotecnici di libera vendita, non classificati tra i prodotti esplodenti e vietati solo ai minori di 14 anni». «Avevamo anche l'acqua nel caso fosse successo qualcosa - racconta uno dei denunciati - siamo andati fino al cancello della base e tornati in paese senza che nessuno ci fermasse o identificasse, e abbiamo anche incrociato i carabinieri nel tragitto». 

Tuttavia, quella che voleva essere una risposta ironica a un evento cruciale - il lancio del satellite permetterà all'impianto di antenne satellitare di entrare in funzione e garantire la comunicazione per le operazioni militari Usa - si è trasformata in una nuovo ostacolo giudiziario per gli attivisti No Muos. Secondo cui, a segnalare il caso alle autorità italiane siano stati gli stessi militari americani. «Hanno portato il filmato delle telecamere di videosorveglianza alla polizia che automaticamente ci ha denunciati», affermano.

La cosa che più infastidisce gli attivisti è che «la polizia non si è nemmeno premurata di andare a riscontrare i fatti denunciati. Il giorno dopo la notifica - precisano - siamo tornati davanti al cancello della base e i razzetti erano ancora là, nessuno li aveva raccolti». 

Solidarietà arriva dal comitato No Muos di Niscemi. «Il comitato che collettivamente rivendica l’azione ed esprime massima solidarietà ai denunciati - si legge in una nota -  giudica questa ulteriore provocazione un attentato al senso del ridicolo, superato da tempo ormai dalla questura e dai suoi agenti. A noi rimane l’amaro in bocca per un trattamento da criminali che, se queste sono le accuse, ci inorgoglisce. I veri pericolosi, tra droni, bombe e proiettili, non stanno certamente fuori da quella base».

Le ultime denunce si sommano a molte altre piovute sugli attivisti niscemesi negli ultimi mesi. Recentemente sono state denunciate decine di persone per la manifestazione del 9 agosto del 2014, quando vennero tagliate le reti della base che venne simbolicamente occupata. A uno degli attivisti la denuncia è stata notificata la mattina del giorno di Natale. A dicembre era stato ancora una volta il pacifista Turi Vaccaro a superare i cancelli. Tuttavia a novembre il tribunale del Riesame di Caltanissetta ha annullato le ordinanze di misura cautelare che impedivano a 29 attivisti di recarsi a Niscemi. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×