Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Formazione professionale, sciopero rinviato al 6 febbraio
Anche lo Snals Confsal aderisce alla manifestazione

Il rinvio è dettato dal fatto che il presidente della Regione, Rosario Crocetta, il 30 gennaio sarà a Roma per l’elezione del nuovo presidente della Repubblica. «E noi vogliamo parlare con lui», dicono gli organizzatori della protesta

Giulio Ambrosetti

Formazione professionale siciliana, lo sciopero indetto il prossimo 30 gennaio dagli addetti del settore è stato rinviato al 6 febbraio. A comunicarlo sono gli organizzatori della manifestazione di protesta. Motivo: il 30 gennaio il presidente della Regione, Rosario Crocetta, sarà impegnato a Roma nell’elezione del nuovo presidente della Repubblica (Crocetta è uno dei tre grandi elettori della Sicilia insieme con il presidente dell’Ars, Giovanni Ardizzone, e con il capogruppo di Forza Italia a Sala d’Ercole, Marco Falcone). «Un rinvio tecnico», spiega Alessandro Lazzano, uno dei rappresentanti dell’associazione Lavoratori liberi della Formazione professionale, tra i promotori dello sciopero insieme con il sindacato nazionale autonomo lavoro e vertenze (Snalv) e con i lavoratori degli ex Sportelli multifunzionali. «Vogliamo evitare che il presidente della Regione, il giorno del nostro sciopero, prenda la scusa dell’elezione del nuovo capo dello Stato per non parlare con noi».

Allo sciopero hanno già aderito Cobas, Ugl, Sinalp, Uslal, gli Irriducibili della formazione professionale e anche lo Snals Confas. Mentre non si capisce ancora cosa faranno Cigl, Cisl e Uil. «Il rinvio della manifestazione di protesta - aggiunge Lazzano - ci consentirà di incontrare il presidente della Regione. Vogliamo chiarezza sul nostro futuro. E impegni precisi che, questa volta dovranno essere mantenuti».

Lo sciopero dei lavoratori arriva in un momento piuttosto caldo per questo settore. Nei giorni scorsi lo Ial Sicilia ha licenziato quasi 500 addetti, che vanno a sommarsi ai circa quattromila operatori che hanno già perso il lavoro. Lo scenario rischia di peggiorare perché il 30 giugno scadranno i corsi della terza annualità dell’Avviso 20. E siccome non si intravede ancora l’avvio dei corsi legati alla programmazione dei fondi comunitari 2014-2020 (un anno è già volato via con un nulla di fatto e tutto lascia presagire che sarà così anche per quest’anno), si prevede, a partire dall’1 luglio di quest’anno il licenziamento di tutti gli altri dipendenti. In pratica, l’azzeramento del settore.

A differenza di quanto avvenuto fino a oggi, i lavoratori della formazione professionale della Sicilia sembra che si siano svegliati. Si accingono a scendere in piazza e annunciano una stagione di lotte per scongiurare lo smantellamento del settore.    

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×