Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Regione, l'abolizione a metà delle Province
A rischio stipendi, sedi scolastiche e servizi

La mancanza di soldi è leit motiv ricorrente per Ars e governo regionale. In questi giorni alle prese anche con le società controllate dalle Province, mai davvero abolite ma lasciate senza soldi. Soldi che rischiano di non arrivare nemmeno con il nuovo mutuo miliardario che rischia di svanire tutto in spese correnti

Giulio Ambrosetti

Sembra che Catania, in questi giorni, sia diventata la città più gettonata a Palazzo Reale, sede del Parlamento siciliano. Se il caso Sac (la società che gestisce l’aeroporto di Fontanarossa), di fatto, blocca da due settimane i lavori di Sala d’Ercole, un’altra società, la Pubbliservizi spa, che fa capo alla Provincia regionale di Catania è stata al centro della riunione della commissione Bilancio e Finanze del Parlamento dell’isola. Il tema è sempre lo stesso: la mancanza di soldi. Il governo di Rosario Crocetta e l’Ars hanno commissariato le nove Province regionali. E le hanno lasciate senza soldi. Tra qualche mese ci saranno problemi anche per pagare i dipendenti e per le società controllate dalle stesse Province. A cominciare dalla già citata Pubbliservizi, dove prestano servizio circa 400 lavoratori. Nelle stesse condizioni, ma con meno dipendenti, è Palermo Energia, società controllata dalla Provincia di Palermo dove a rischiare sono circa 140 dipendenti. Idem per Caltanissetta Service in house providing che ha un numero di addetti molto limitato.

Ieri, insomma, si è parlato delle Province siciliane, commissariate e abbandonate dal governo Crocetta. Nella legge sull’esercizio provvisorio sono stanti stanziati sei milioni di euro. Una cifra irrisoria, rispetto a quanto occorre per le Province: circa 200 milioni all’anno, ha ricordato il vice presidente dell’Anci Sicilia, Paolo Amenta. Non parliamo più dei soldi che servirebbero per la manutenzione delle strade provinciali, da due anni completamente abbandonate. Lo stesso discorso vale per gli edifici dove hanno sede le scuole superiori, la cui manutenzione, in teoria, è affidata sempre alle Province che ci sono ancora e non sono state mai abolite. Così come per le altre competenze provinciali: per esempio, i servizi in favore delle fasce deboli della società.

In tutto questo governo e Ars hanno abolito presidenti e consigli provinciali, ma hanno lasciato a metà la riforma di questi enti intermedi. Sulla carta esistono sia i liberi consorzi di Comuni - che non sono affatto liberi, perché istituiti da una legge regionale in contraddizione con l’articolo 15 dello Statuto che prevede che siano gli stessi Comuni e non la Regione a stabilire come associarsi -, sia le aree-città metropolitane di Palermo, Catania e Messina. Ma sono mostri lasciati senza funzioni: inutili. Basti pensare che le stesse aree-città metropolitane, senza il completamento della riforma, non possono utilizzare i fondi europei.

In questo scenario da ultimi giorni di Pompei l’Ars si prepara a esaminare il nuovo mutuo da un miliardo e 776 milioni di euro (e ne parlerà la prossima settimana). Di farsi restituire i soldi che Roma ha prelevato dai conti sempre più sbrindellati della Regione non se ne parla. In ogni caso, ammesso che la Cassa depositi e prestiti eroghi questo nuovo mutuo (i dubbi che ciò non avvenga ci sono), resta da chiedersi che succederà una volta che l'importo volerà via in spese correnti. Faranno un altro mutuo? O licenzieranno migliaia di persone? Dubbi che l'assessore regionale all'Economia Alessandro Baccei non ha ancora chiarito.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews