Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Faraone: «Sul Bilancio Il Pd è con Baccei»
Cracolici: «La linea la stabilisce il Parlamento»

Il sottosegretario all'Istruzione entra a gamba tesa nelle polemiche sulla manovra economica. L'ex capogruppo del partito all'Ars mette i puntini sulle i. E sui costi dell'Ars, che la stampa vende come i più cari d'Italia, parla di statistiche campate in aria

Antonella Sferrazza

Parla a nome del Pd siciliano Davide Faraone, renziano della prima ora e sottosegretario all'Istruzione nell'esecutivo nazionale. Lo fa entrando a gamba tesa nelle polemiche stanno accompagnando la stesura del Bilancio regionale per il 2015: 

«La nostra linea è quella dell'assessore Baccei, che poi è la linea per i siciliani. Finalmente - sostiene Faraone- si sta mettendo ordine nei conti, finalmente c'è una persona che sta dicendo come sono i conti sul serio e c'è un governo che pretende delle riforme che i siciliani dovrebbero fare a prescindere. Non dovrebbe essere Renzi a chiederle ma Crocetta da solo a volerle».

Come sappiamo il Presidente della Regione siciliana ha contestato la linea di lacrime e sangue dell'assessore regionale all'Economia: «Si al rigore, ma non al rigor mortis» ha detto nel corso di una conferenza stampa.  Da qui la reprimenda di Faraone. 

Ma la domanda che sorge spontanea è una: come mai Faraone parla a nome del Pd siciliano? Qualcuno lo ha informato del fatto che non c'è stato un singolo esponente di questo partito- segretario e deputati inclusi- che si è schierato apertamente al fianco di Baccei?

Abbiamo rivolto il quesito ad Antonello Cracolici, parlamentare regionale del Pd che, diplomaticamente, chiarisce il punto: 

«Sul Bilancio la linea la detterà il Parlamento siciliano. Eviterei prese di posizioni personali e polemiche, perché la situazione dei conti siciliani è estremamente seria e sarà l'Ars ad occuparsene» dice a Meridionews. Il messaggio dunque è chiaro anche se non esplicito. 

A Cracolici chiediamo lumi su un aspetto molto delicato dell'intera questione. Qualche giorno fa, abbiamo pubblicato la relazione d'accompagnamento al disegno di legge sul Bilancio inviata all'Ars da cui si evince che, se si applicasse il principio di territorialità delle imposte,  ribadito di recente dalla Corte Costituzionale, le casse pubbliche siciliane non sarebbero al secco come sono.  

Ma perché allora si parla di un aiuto che dovrebbe arrivare da Roma quando Roma non dovrebbe fare altro che riconoscere un diritto?

«Parliamo di una questione fondamentale- dice il deputato regionale del Pd- il problema è che ci sono così tanti pregiudizi sulla Sicilia, alimentati anche dagli stessi siciliani, che fanno diventare un riconoscimento di favore quello che è un diritto. 

Da qui l'esigenza di un negoziato con il Governo nazionale, ma nessuno dovrebbe perdere di vista il fatto che non si tratta certo di un favore alla Sicilia. 

Anzi. Il Governo nazionale,- prosegue Cracolici- tra accantonamenti e voci varie, come la compartecipazione al fondo sanitario che la Sicilia paga più di tutte le altre regioni, ogni anno trattiene circa 2,5 miliardi di euro di risorse. Una situazione paradossale: da un lato lo Stato preleva alla fonte le nostre entrate, dall'altro, con il patto di stabilità, blocca anche la spesa. La Sicilia ne esce estremamente penalizzata». 

E, a proposito di pregiudizi, il parlamentare del Pd, non perde l'occasione per denunciarne uno che circola con insistenza: quello secondo cui i costi dell'Assemblea regionale siciliane sono più alti delle altre assemblee regionali: 

«Chi fa queste statistiche non tiene conto di alcuni passaggi fondamentali.  Intanto, la nostra Regione nasce 25 anni prima delle altre ed è ovvio che questo ha comportato più spese. Paghiamo, ad esempio, pensioni a personale e deputati degli anni 50 e 60, cosa che le altre regioni non fanno. Fare raffronti di questo tipo è quindi del tutto campato in aria». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews