Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

La Giunta dà il via libera Dpef ed esercizio provvisorio
Sopravvivenza fino ad aprile poi come finisce si racconta

Com'era nelle previsioni, il Governo, ieri sera, ha approvato il Bozzone con Bilancio e Finanziaria 2015 e il Bilancio in dodicesimi per i primi quattro mesi del prossimo anno. Sì anche al Documento di programmazione economica. Stamattina i documenti finanziari dovrebbero arrivare all'Ars. Non sono escluse le polemiche

Giulio Ambrosetti

In un clima di confusione politica e istituzionale la Giunta regionale di Rosario Crocetta, ieri sera ha approvato i documenti finanziari. Via libera al disegno di legge sul Bilancio preventivo 2015 (con annessa Finanziaria), all'esercizio provvisorio per i primi quattro mesi dell'anno e sì anche al Dpef, il Documento di programmazione economica e finanziaria. 

Il Governo assicura che ci sono i soldi per pagare tutte le spese dei primi quattro mesi. Ma l'assicurazione arriva da un esecutivo che avrebbe dovuto pagare le retribuzioni ai dipendenti della Formazione professionale da almeno un anno: cosa che non ha mai fatto. 

Morale: per potere capire qualcosa in più - soprattutto su come è stato organizzato il Bilancio preventivo 2015 - piuttosto che leggere i comunicati stampa bisognerà leggere le carte. O magari ascoltare dal vivo l'assessore regionale all'Economia, Alessandro Baccei, che stamattina dovrebbe tenere una conferenza stampa a Palermo.

La prima sensazione è che la Regione navighi a vista, procedendo a tentoni, senza un programma preciso. Tra l'altro, da quello che abbiamo capito, l'esercizio provvisorio per quattro mesi che l'Assemblea regionale siciliana dovrebbe approvare a tamburo battente è virtuale: per poter fronteggiare non i pagamenti, ma solo una parte dei pagamenti il Governo sarà costretto a utilizzare la disponibilità finanziaria di quattro mesi in due mesi. Ciò significa che i problemi seri di cassa cominceranno a metà marzo del prossimo anno e non a maggio.

La seconda sensazione è che il Governo stia cercando di prendere per la gola l'Ars: quello che conta, in questa fase delicatissima della politica siciliana non è l'esercizio provvisorio, che serve soltanto a prendere altri quattro mesi di tempo, ma quello che c'è scritto nel Bilancio preventivo. Bisognerà capire qual è la struttura del Bilancio 2015 immaginata dal Governo. 

Presentando il 23 dicembre Bilancio e Finanziaria 2015, accompagnato dall'esercizio provvisorio per i primi 4 mesi, il Governo starebbe provando a mettere l'Assemblea regionale siciliana con le spalle al muro. Della serie: noi i documenti finanziari li abbiamo presentati, adesso sbrigatevi ad approvarli, sennò la responsabilità è vostra... 

Non è detto che la manovra parlamentare del Governo riesca. Non è detto, insomma, che stamattina, in Commissione Bilancio e Finanze - dove la manovra dovrebbe arrivare a tamburo battente - non si apra il fuoco di fila delle polemiche. 

Bisognerà capire, infatti, come si articola questa manovra. Solo leggendo attentamente la struttura del Bilancio preventivo del prossimo anno si potrà verificare se c'è l'intenzione politica, da parte del Governo Crocetta, di tenere in piedi le tante categorie sociali oggi a rischio, dai precari degli enti locali (e della stessa Regione) ai forestali, dai dirigenti regionali ai pensionati. Per non parlare delle società e degli enti regionali. In ballo ci sono migliaia di posti di lavoro. 

    

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×