Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Operazione Aquila Nera, blitz contro neo fascisti
Tra i quattordici arrestati c'è anche un palermitano

Nell'operazione che ha smentellato una organizzazione accusata di terrorismo e razzismo in manette anche il siciliano Emanuele Pandolfina Del Vasto, residente a Pescara. Contattati da Meridionews, i Ros di Roma confermano che questo è l'unico nesso con la Sicilia. Altri due nativi della regione, sono indagati

Antonella Sferrazza

Sta facendo molto rumore l'operazione Aquila nera disposta dalla Procura della Repubblica de L'Aquila ed eseguita dai Carabinieri dei Ros di Roma, che ha smantellato un gruppo clandestino neofascista  denominato Avanguardia ordinovista – che puntava alla ricostituzione di Ordine nuovo. 

Sui giornali nazionali online, tra le città coinvolte nel blitz si parla anche di Palermo. Il che è vero, ma solo relativamente. Non ci sono stati arresti nel capoluogo siciliano.

Contattati da Meridionews, i Ros di Roma, specificano che l'unico nesso con la Sicilia è  il luogo di nascita di uno degli arrestati e di un paio di indagati.

Si tratta di Emanuele Pandolfina Del Vasto, classe 1963, di Palermo, ma residente a Pescara, che è finito in manette.

 Mentre tra gli indagati figurano Giuseppa Caltagirone, nata a Casteldaccia (nel palermitano) ma residente a Como e Giovanni Trigona, nato a Palermo e residente a Lodi. 

Le città coinvolte dal blitz sono, come si legge nel comunicato stampa ufficiale,sono: Chieti, Pescara, L’Aquila, Teramo, Padova, Milano, Como, Varese, Lodi, Pavia, Roma, Rieti, Ferrara, La Spezia, Gorizia, Ascoli Piceno, Napoli, Sassari, Modena, Napoli, Udine e Torino. 

Quattordici in tutto gli arresti, ma gli indagati sono più di 40. Nell’ordinanza di custodia cautelare si contestano i reati di associazione con finalità di terrorismo o di eversione dell’ordine democratico e associazione finalizzata all’incitamento, alla discriminazione o alla violenza per motivi razziali, etnici, nazionali o religiosi, e tentata rapina.

Secondo gli investigatori l’organizzazione era guidata da Stefano Manni, 48 anni, originario di Ascoli Piceno, che si occupava del proselitismo e del reperimento dei fondi e che vanta un legame di parentela con Gianni Nardi, terrorista neofascista. 

In conferenza stampa il generale Mario Parente, Comandante Nazionale dei Ros, e il Procuratore della Repubblica dell’Aquila, Fausto Cardella, hanno dichiarato che il gruppo avrebbe «utilizzato il web ed in particolare il social network Facebook come strumento di propaganda eversiva, incitamento all’odio razziale e proselitismo».

Il piano degli indagati, «era basato su un doppio binario: da un lato atti destabilizzanti da compiersi su tutto il territorio nazionale e dall’altro un’opera di capillare intromissione nei posti di potere, tramite regolari elezioni popolari con la presentazione di un loro nuovo partito».

Un nuovo partito, manco a dirlo, nazionalista. Tra gli indagati, infatti, anche Rutilio Sermonti, considerato una delle figure più note nel panorama degli intellettuali di estrema destra. Scrivono i Ros: «Sermonti fornisce sostegno ideologico alla struttura avendo inoltre redatto un documento denominato “Statuto della Repubblica dell’Italia Unita” che rappresenta una nuova Costituzione della Repubblica nella quale viene tracciato il nuovo ordine costituzionale della nazione esplicitamente ispirato all’epoca fascista. E incita i sodali del gruppo all’offensiva».

 L’organizzazione, secondo gli inquirenti, progettava azioni violente nei confronti di obiettivi istituzionali, tentando di reperire armi attraverso rapine o approvvigionamenti dall’estero e utilizzando i social network per la propaganda. Nel mirino del gruppo eversivo oltre, a Prefetture, Questure e uffici di Equitalia, anche magistrati e uomini politici senza scorta.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×