Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Enna, progetto per promuovere la cultura dell'adolescenza
In campo il Comune, la scuola, l'Università e la Asp

Il Centro Risorse Educative punta a realizzare un percorso che sviluppi nei ragazzi quelle importanti abilità e capacità individuali grazie alle quali poter affrontare efficacemente le pressioni e gli stress della vita quotidiana e assumere comportamenti e stili di vita responsabili

Redazione

Foto di: stalking.it

Foto di: stalking.it

La promozione del benessere e la prevenzione del rischio in adolescenza rappresentano oggi una delle sfide più difficili, che vede impegnati insegnanti, educatori operatori sociali psicologi, associazioni, strutture sanitarie e famiglie. Ed è proprio con l’obiettivo di promuovere benessere e prevenire i rischi che il Comune di Enna ha messo a punto un progetto rivolto ad adolescenti e genitori con l’istituzione del Centro Risorse Educative

Il progetto è stato presentato a tutti i partner nel corso di un incontro che si è tenuto alla Sala Cerere. L'occasione per chiamare i protagonisti di questo settore, con pari grado, a costruire il sistema socio educativo territoriale. Si tratta, intanto, di un progetto che, per la prima volta, valorizza le competenze di ciascun attore, dalla scuola all’università passando dall’Azienda sanitaria provinciale, per arrivare al Coni con le associazioni sportive. Obiettivo: migliorare gli scambi tra soggetti diversi che, nel sistema locale, a vario titolo, sono chiamati ad occuparsi di minori. 

Il progetto, firmato dai tre assessorati comunali Alle Politiche Sociali, alla Cultura e Biblioteca e alla Pubblica Istruzione, vuole promuovere, sostenere e sviluppare una cultura dell’infanzia e dell’adolescenza e assumere l’educazione come responsabilità collettiva. Questo è stato più volte sottolineato nel corso della tavola rotonda di presentazione cui hanno partecipato gli assessori Angela Marco, Lorenzo Floresta e Vittorio Di Gangi che hanno incontrato tutti i responsabili dei settori coinvolti in un progetto che vede tutti protagonisti. 

L’idea è quella di un percorso che sviluppi nei ragazzi quelle importanti abilità e capacità individuali grazie alle quali poter affrontare efficacemente le pressioni e gli stress della vita quotidiana e assumere comportamenti e stili di vita responsabili. Dunque una rete per lavorare assieme, attori pubblici, privati e di terzo settore con l’importante apporto dell’Università Kore come una preziosa opportunità per la costruzione di una riflessione scientifica all’altezza delle sfide del nostro tempo con figure professionali di spessore. 

Così questo Centro di risorse educative si propone come luogo di lettura dei bisogni, di progettazione, di attivazione e di governo delle iniziative mirate ad accompagnare la crescita do soggetti in età evolutiva. E per aggiungere questo obiettivo saranno messi in campo, tra l’altro, laboratori per genitori e adolescenti, incontri, occasioni di scambio. Intanto il prossimo passo sarà la costituzione di un Gruppo di coordinamento interistituzionale che avrà il compito di progettare, programmare e coordinare il sistema educativo territoriale e di predisporre le linee guida e i protocolli attuativi.

La sede operativa del Centro è la biblioteca multimediale del Comune, La Casa di Giufà.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews