Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Ardizzone: «Impugneremo la norma sulle trivelle»
Sit-in dei Sindaci davanti a Palazzo d'Orléans

Il Presidente dell'Ars, nel corso degli auguri con la stampa, annuncia l'intenzione di ricorrere alla Corte Costituzionale contro la norma del Governo Renzi che dà il via all'arrembaggio dei petrolieri. Intanto, l'Associazione dei Comuni ribadisce il suo no, senza se e senza ma

Redazione

L'Assemblea regionale siciliana tornerà a riunirsi il 7 Gennaio prossimo. Il nuovo anno a Sala d'Ercole si aprirà con un tema importante: le trivelle e la protesta che si sta accendendo in tutta la Sicilia. Una protesta che vede schierati i territori, accanto alle associazioni ambientaliste. 

«Vogliamo opporci all'articolo 38 del Decreto Sblocca Italia dinnanzi alla Corte Costituzionale, come stanno facendo altre regioni».  Così il presidente dell'Assemblea regionale siciliana, Giovanni Ardizzone, incontrando la stampa parlamentare per i tradizionali auguri. 

Sono già  sei le Regioni che hanno deciso di impugnare la norma che dà il via libera all'arrembaggio dei petrolieri di fronte alla Corte Costituzionale: Abruzzo, Campania, Lombardia, Marche, Puglia e Veneto. 

Ardizzone, poi, ha ribadito un concetto già espresso in altre occasioni:  «La nostra protesta non si fermerà fino a quando non sarà fatta chiarezza sulle risorse che spetterebbero alla Sicilia». 

Non si fermerà dinnanzi a nulla, invece, la protesta dei sindaci. Che stamattina, stanno ribadendo la loro opposizione con un sit-in davanti Palazzo d'Orléans, sede della Presidenza della Regione Siciliana: 

«Le aree del Mediterraneo in cui si intende posizionare le trivelle - ricorda Leoluca Orlando, Presidente di Anci Sicilia- ad impatto distruttivo sono estremamente fragili, e, inoltre, presentano anche dei sistemi vulcanici sommersi tutt'ora attivi. Così facendo, dunque, si rischia di alimentare, in maniera consistente, la sismicità e di mettere a rischio aree di pregio naturalistico e paesaggistico e fiorenti attività economiche legate al turismo e alla pesca. Insomma, sarebbe uno scempio in tutti i settori che riguardano lo sviluppo economico e sostenibile». 

In piazza c'è anche il Sindaco di Favignana (isola delle Egadi nel trapanese), Giuseppe Pagoto: «Il nostro no al petrolio è categorico, senza se e senza ma. Lo abbiamo detto in ogni circostanza, anche in audizione alla Regione al presidente Crocetta. Ci sembra una scelta folle, ambientalmente insostenibile ed economicamente miope. I nostri veri giacimenti sommersi sono il turismo e la natura».

Anche i Sindaci di altre isole minori e di altri territori turistici (da salina a San Vito Lo Capo) sono in prima fila in questa battaglia. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×