Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Ars, già da oggi il mutuo potrebbe arrivare in Aula
Deputati ciechi e sordi sulle carenze della relazione tecnica

Sala d'Ercole torna a riunirsi alle 1600. Ma, ancora una volta, a dettare l'agenda al Parlamento siciliano sarà il Governo regionale. E' atteso infatti, il disegno di legge governativo che prevede un nuovo indebitamento da oltre due miliardi che pagheranno le imprese e le famiglie siciliane. Privo del piano di ammortamento e della documentazione necessaria a spiegare il perché del buco

Antonella Sferrazza

Sala d'Ercole torna a riunirsi oggi pomeriggio alle 1600. Ma, ancora una volta, a dettare l'agenda al Parlamento siciliano sarà il Governo regionale. Restano, infatti, nel cassetto le mozioni e le iniziative dei singoli deputati, inclusa la mozione di censura nei confronti della Segretario generale della Presidenza della Regione, Patrizia Monterosso. 

In Aula, secondo indiscrezioni, dovrebbe arrivare il controverso mutuo da oltre due miliardi di euro imposto dall'esecutivo nazionale al Governo di Rosario Crocetta. Un nuovo indebitamento che, ovviamente, pagheranno le famiglie e le imprese siciliane con le aliquote Irap e Irpef più care d'Italia. 

Chi si aspettava (i siciliani, ad esempio) che la Commissione Bilancio dell'Ars chiedesse un approfondimento su una relazione tecnica che fa acqua da tutte le parti, beh, è rimasto deluso. Una relazione che non contiene un prospetto preciso di come sarebbero stati spesi i 5 miliardi del buco della Regione, né un piano di ammortamento del mutuo. Ma, soprattutto mancano i documenti ufficiali che comprovino l'indebitamento delle Aziende sanitarie provinciali e della Aziende ospedaliere dell'Isola con relativa indicazione delle banche tesoriere che avrebbero anticipato le spese. 

Pressioni politiche avrebbero spianato la strada al disegno di legge, che, così com'è, oggi dovrebbe fare la sua comparsa in Aula. In barba allo stesso regolamento parlamentare che impone relazioni tecniche precise alle leggi che comportano esborsi finanziari. 

Un obbligo ricordato anche dalla Corte dei Conti siciliana che, nel corso dell'ultima parifica, ha bacchettato la Regione, sottolineando come più del 50% di leggi presentate dal Governo erano prive di appropriata relazione tecnica. 

Un regolamento, peraltro, spesso citato in Aula dal Presidente dell'Ars, Giovanni Ardizzone, che però, in questo caso sembrerebbe un po' distratto. 

Per inciso, presentare un disegno di legge che prevede l’accensione di un mutuo da due miliardi di euro senza aver prima presentato il Dpef (Documento di programmazione economica e finanziaria) e, soprattutto, senza aver prima presentato il disegno di legge su Bilancio e Finanziaria 2015, è un fatto a dir poco anomalo. 

Il dubbio che in queste ore percorre i corridoi di Palazzo Reale è che il prestito che la Regione si accinge ad accendere sulla pelle di imprese e famiglie non venga utilizzato per coprire il buco di 5 miliardi di euro ma, al contrario, per consentire allo Stato di prelevare dal Bilancio regionale 2015, ancora da venire, il solito accantonamento annuale di circa 1 miliardo di euro. Soldi che il Governo Renzi toglie ai siciliani per aggiustare i conti romani. 

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×