Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Seus, si dimette il direttore generale Angelo Aliquò
Dietro c'è il «no» della Regione al nuovo statuto

La società che gestisce il Servizio di Pronto Soccorso in Sicilia non dovrebbe avere problemi economici e finanziari. Alla base delle dimissioni, annunciate nei giorni scorsi ai Consiglio di gestione e al Governo regionale, sembra ci sia il tentativo di riforma dell'organizzazione interna dell'azienda bocciata dall'Amministrazione regionale. 

Redazione

Angelo Aliquò ha lasciato la direzione della Seus, la società regionale che gestisce in Servizio 118. Le dimissioni, annunciate qualche giorno fa in una lettera al Consiglio di gestione (inviata anche agli assessori regionali alla Salute, Lucia Borsellino, e all'Economia, Alessandro Baccei) sono state formalizzate oggi.  

A quanto si dice, il direttore, anzi, l'ex direttore della Seus non ha condiviso la bocciatura, da parte della Regione siciliana, della proposta di modifica dello statuto della società che, lo ricordiamo, fa capo per il 53 per cento all'Amministrazione regionale e per il restante 47 per cento alle Aziende sanitarie provinciali (Asp) della Sicilia. 

Aliquò, a quanto si dice, avrebbe deciso di mollare la gestione della società per incomprensioni con l'Amministrazione regionale. Dal gennaio di quest'anno, infatti, sono state revocate le cosiddette progressioni intermedie, ovvero i capi settore che dovrebbero rapportarsi con la direzione per gestire un'azienda che opera con circa 3 mila e 300 dipendenti. L'assenza di una riforma dell'organizzazione del lavoro avrebbe reso troppo macchinosa la gestione della società.  

Contrariamente ad altre società regionali, che oggi versano in crisi, la Seus non presenta particolari problemi di gestione. Nei mesi scorsi si era parlato di contratti di solidarietà. Un tentativo del Governo regionale di risparmiare anche sul Servizio di Pronto Soccorso. Operazione sventata, perché non c'era alcun motivo per risparmiare in questo settore della sanità siciliana. 

Altre polemiche sono sorte per l'annuncio di licenziamento di personale con condanne passate in giudicato. Sono state inviate 89 lettere di contestazione. Ma non si hanno ancora notizie. 

    

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×