Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Bilancio regionale: il Governo snobba il Parlamento
Baccei e Crocetta anticipano la manovra ai giornali

I documenti non passano per Sala d'Ercole, l'esecutivo sceglie di diluire l'improbabile manovra economica del prossimo anno. Nessuna notizia, invece, sull'ipotesi di demansionamento dei dirigenti

Redazione

Ancora una volta il governo regionale snobba il Parlamento siciliano. Invece di iniziare a Sala d'Ercole, magari nelle Commissioni legislative, la discussione su Bilancio e Finanziaria 2015, l'esecutivo preferisce comunicare a «rate» sui giornali l'improbabile manovra economica del prossimo anno. 

Un brutto schiaffo per l'Ars che, del resto, è chiamata soltanto ad obbedire e a passare, senza creare problemi, le carte del Governo. 

Lo si è visto qualche giorno fa in Commissione Bilancio e Finanze che ha approvato il disegno di legge su un mutuo di oltre due miliardi di euro senza una corretta relazione tecnica. Infatti, davanti a un buco di cassa accertato di 5 miliardi di euro, il Presidente della Commissione, Nino Dina e gli altri componenti di questo consesso parlamentare, non hanno avvertito l'esigenza di farsi spiegare e quindi di raccontare ai siciliani, dove sono finiti questi 5 miliardi che la Regione non avrebbe erogato alle aziende sanitarie provinciali e alle aziende ospedaliere dell'Isola.

In questo scenario da ultimi giorni di Pompei, l'assessore commissario all'Economia, Alessandro Baccei, si accingerebbe a presentare il bozzone di Bilancio e Finanziaria 2015.

Ovviamente, visto il livello del Parlamento siciliano, ne discute direttamente con altri soggetti e da queste discussioni si apprendono notizie vecchie, cose trite e ritrite, come se in questi ultimi due anni il Governo avesse fatto qualcosa di diverso. Tagli di stipendi ai precari e ai regionali, tagli alla Formazione, tagli per i Comuni. 

Quindi, questa mattina, si parla di tagli compresi tra il 20 e il 25% in tutti i principali capitoli di spesa e di una compartecipazione dei Comuni alla spesa per i  precari (per inciso i Comuni sono già sull'orlo del baratro grazie ai tagli di governo nazionale e regionale). 

Una botta verrà presumibilmente assestata anche alle pensioni dei regionali e all'indennità di posizione dei dirigenti, per i quali è probabile un demansionamento. 

In buona sostanza, l'unica notizia certa è rappresentata dai tagli. Per il resto, per i dettagli veri, bisognerà certamente aspettare che i documenti arrivino all'Ars e non solo sui giornali dove si prova a spiegare la manovra. 

«Faremo sacrifici, ma il governo Renzi deve aiutarci» afferma Crocetta, annunciando di avere avuto rassicurazioni in tal senso da parte del premier. Nonostante il prelievo dal bilancio regionale di 1,2 miliardi di euro, oltre al mutuo da due miliardi. Mentre si consuma un altro «prelievo» alla Sicilia, quello di mezzo miliardo di euro di fondi europei con l'articolo 12 della Legge di stabilità. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews