Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Precari in rivolta, sale la tensione a Palazzo d'Orleans
Duro attacco di Cgil, Cisl e Uil al presidente della Regione

I sindacalisti rinfacciano a Crocetta di aver disertato ieri la riunione sul precariato convocata da ben tre Commissioni legislative dell'Ars. E rimproverano al governatore di non averli ricevuti oggi. «Ma noi siamo qui in piazza, davanti la sede del Governo. E da qui non ce ne andremo fino a quando non saremo ricevuti»

Redazione

Sale la tensione la tensione tra i precari dei Comuni siciliani. Oggi una delegazione di questi lavoratori - che, in molti casi, dopo venti-venticinque anni di servizio negli uffici comunali temono di perdere il lavoro - si sono presentati a Palermo, davanti Palazzo d'Orleans, la sede del Governo siciliano. Insieme con i sindacalisti di Cgil, Cisl e Uil, chiedono da alcune ore di essere ricevuti dal presidente della Regione, Rosario Crocetta. Ma il governatore, fin'ora, non li ha ricevuti.    

Da qui la protesta di Michele Palazzotto, Gigi Caracausi e Vincenzo Tango, rispettevamente, segretario delle Funzioni pubbliche di Cgil, Cisl e Uil della Sicilia. «È sconcertante - dicono i tre sindacalisti - il disprezzo che il Presidente della Regione sta dimostrando nei confronti dei lavoratori precari convenuti alla manifestazione di oggi. Da ore aspettiamo di incontrare il presidente Rosario Crocetta per avere risposte certe sul futuro lavorativo».

Ricordiamo che ieri, sul tema dei 24 mila precari circa dei Comuni si sono riunite insieme la Commissione Bilancio e Finanze, la Commissione Affari istituzionali e la Commissione Cultura e Lavoro dell'Ars. I deputati, alla fine della riunione, hanno fatto sapere che i problemi finanziari si risolveranno con l'approvazione di un disegno di legge che dovrebbe semplificare l'erogazione ai Comuni del Fondi pari a 270 milioni di euro. 

In verità, a questa tesi sono in pochi a crederci. L'unico dato certo, incontrovertibile, è che su uno stanziamento di 270 milioni di euro, la Regione, quest'anno, h erogato ai Comuni un'ottantina di milioni di euro. All'appello mancano ancora 180-190 milioni di euro. I lavoratori e i sindacalisti chiedono chiarezza su questi fondi.     

«È inammissibile questo comportamento di Crocetta - dicono i sindacalisti -. Da più di due ore attendiamo di essere ricevuti, ma ancora dai piani alti non arriva alcun segnale. Se il presidente della Regione è convinto di prenderci per stanchezza, si sbaglia di grosso. Noi dalla piazza non ci muoviamo fino a quando non saremo convocati. Ci attendevamo oggi maggiore sensibilità, soprattutto di fronte a tanti lavoratori venuti qua a manifestare. Il Governo sembra infischiarsene delle nostre legittime rivendicazioni».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×