Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Ars, domani tornano le trivelle
Ancora incerta la presenza di Crocetta

Il calendario dei lavori sarà definito domani, a mezzogiorno, dalla conferenza dei capi gruppo sulla base della disponibilità del Presidente della Regione. Incerta anche la mozione di censura nei confronti di Patrizia Monterosso. Che il Pd sembra intenzionato a difendere paventando «rischi di creare pericolosi precedenti». Pericolosi per chi? 

Antonella Sferrazza

Non ha ancora confermato la sua presenza in Aula, domani pomeriggio, il Presidente della Regione siciliana, Rosario Crocetta. All'ordine del giorno della seduta ancora le trivelle in agguato nel Canale di Sicilia e l'accordo siglato dal governatore con l'Eni e con Assomineraria 

Come si ricorderà, l'argomento era già arrivato a Sala d'Ercole la scorsa settimana. Ma, Crocetta aveva disertato l'Aula, mandando al suo posto l'assessore alla Formazione Mariella Lo Bello, vice presidente della Regione. 

Una assenza che aveva fatto infuriare le opposizioni visto che a firmare le intese con le compagnie petrolifere è stato Crocetta in persona. Alla fine della seduta, quindi, si era deciso di rinviare a domani. Si presenterà il Presidente della Regione davanti ai deputati del Parlamento siciliano? 

Ancora non si sa. Il calendario dei lavori sarà definito domani, a mezzogiorno, dalla conferenza dei capi gruppo sulla base della disponibilità di Crocetta. 

Intanto oggi, proprio su questi accordi è arrivato l'ennesimo siluro dei No Triv. Che, non solo contestano la legittimità di un accordo firmato alle spalle dell'Ars, ma tirano in ballo anche la normativa europea sulla libera concorrenza. Secondo il Movimento (e non solo), l'intesa favorisce in maniera spudorata l'Eni e l'Ue non ammette privilegi di questo tipo. 

Va da sé che se pure Crocetta riuscirà a convincere i deputati, l'Unione europea difficilmente si farà prendere in giro su temi come questi. 

L'altro argomento che dovrebbe essere discusso domani è la mozione di censura nei confronti del segretario generale della Presidenza della Regione siciliana, Patrizia Monterosso. Una mozione targata 5 Stelle e firmata anche deputato Mps Giovanni Greco ne chiede la rimozione, sia sulla base della condanna per danno erariale inflitta alla Monterosso dalla Corte dei Conti, sia su un'altra indagine avviata in precedenza dai magistrati contabili sulle nomine dei dirigenti esterni alla Regione, «fatte senza prima aver verificato se tali posti potessero essere occupati dal personale interno alla stessa amministrazione».

Bisognerà vedere se i partiti, Pd in primis, continueranno a rinviare il voto sulla sua ammissibilità pur di preservare la potente segretaria generale. 

Dalle dichiarazioni della settimana scorsa, sembrerebbe questo l'atteggiamento. Antonello Cracolici, ex capogruppo del Pd, ad esempio, ha addirittura paventato il rischio di creare «un precedente pericolosissimo». Ma per chi? 

Tra l'altro, un precedente c'è già. Correva l'anno 2005, quando Francesco Forgione, che attualmente guida la Fondazione Federico II, ma che allora era un deputato di Rifondazione Comunista, insieme con altri colleghi di centrosinistra, firmava una mozione che chiedeva la rimozione non di un singolo, ma di tutti i dirigenti generali nominati dall'allora Governatore, Salvatore Cuffaro. 

Allora né la conferenza dei capigruppo, né l'Aula ritennero inammissibile quell'atto. Che poi non fu messo al voto per altre vicende politiche (tra cui la sfiducia a Cuffaro e poi lo scioglimento della legislatura).Un comportamento logico alla luce di due considerazioni. 

La prima riguarda la legge che nel 2001 ha introdotto l'elezione diretta del Presidente della Regione. Una legge che ha ridimensionato i poteri del Parlamento siciliano, ma di certo non ha intaccato il suo potere di vigilanza.

E poi ancora le legge Bassanini che assegna le responsabilità della gestione di spesa ai burocrati, che non possono certo esimersi dalla vigilanza del Parlamento.

Leggi e considerazioni che, però, per il Pd e per lo stesso Crocetta, hanno spesso un valore relativo. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews