Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Chiusa la discarica di Siculiana
Comuni in cerca di altri impianti

Cancelli chiusi per i Comuni che conferiscono i propri rifiuti nell'impianto della Catanzaro Costruzioni. Che, di recente, è tornata nell'occhio del ciclone per le dichiarazioni dell'ex assessore regionale, Nicolò Marino, e per una inchiesta del tribunale della città dei Templi

Redazione

Cancelli chiusi per i Comuni che conferiscono i propri rifiuti a Siculiana, nell'Agrigentino, nella discarica della Catanzaro Costruzioni. L'impianto, infatti, ha raggiunto la capienza massima e quindi non potrà ricevere più la spazzatura dei Comuni non solo della provincia di Agrigento, ma anche di quelli delle altre province che utilizzavano l'impianto di stoccaggio e smaltiment. Questa mattina i rifiuti a Canicattì e nei paesi dell'hinterland sono rimasti nei cassonetti o in alcuni casi negli autocompattatori, in attesa di trovare una discarica alternativa. 

La discarica, di cui è comproprietario Giuseppe Catanzaro, vicepresidente di Confindustria Sicilia, è stata di recente nell'occhio del ciclone mediatico. L'ex assessore regionale all'Energia e i rifiuti, Nicolò Marino, come già aveva fatto da esponente della giunta Crocetta, è tornato a puntare il dito contro lo stesso Catanzaro e gli altri esponenti dell'associazione degli industriali, main sponsor del governo Crocetta, per le ingerenze sul settore. La storia di questo impianto è controversa sin dall'origine. Parliamo di una discarica che era pubblica, e che come in un racconto di Pirandello, un bel giorno si risveglia privata

Non solo. Sull'impianto c'è anche una inchiesta del Tribunale di Agrigento. Davanti al Gip, come vi abbiamo raccontato più in dettaglio, sono chiamati a comparire Lorenzo Catanzaro, fratello del numero degli industriali siciliani e rappresentante legale dell'impianto, l'ex presidente della Provincia regionale di Agrigento, nonché attuale deputato regionale in quota Ncd, Vincenzo Fontana, e due funzionari della Regione, Vincenzo Sansone e Gianfranco Cannova (già rinviato a giudizio nell'inchiesta Terra mia). I reati ipotizzati sono abuso d'ufficio, falsità materiale ed ideologica in atti pubblici e illecita gestione di una discarica per rifiuti solidi urbani.

I Catanzaro, secondo i Carabinieri, avrebbero ottenuto le autorizzazioni necessarie a gestire ed ampliare la loro discarica, attraverso falsa documentazione e con la complicità di funzionari pubblici. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews