Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Trivelle, tutto rinviato al 2 Dicembre
Assenza: «Ars senza soldi per la mozione Monterosso?»

Sala d'Ercole rinvia la discussione delle trivelle, per l'assenza del Governatore Rosario Crocetta, e il voto sulla ammissibilità della censura nei confronti della segreteria generale della Presidenza. Non manca un intervento sul mancato trasferimento di risorse al Parlamento siciliano...

Antonella Sferrazza

Tutto rinviato al 2 Dicembre. L'Assemblea regionale siciliana, nella seduta che si è appena conclusa (quando scriviamo sono circa le 19) dopo un dibattito alquanto acceso, ha deciso di aspettare il Presidente della Regione siciliana, Rosario Crocetta, per discutere del tema delle trivellazioni. 

Proprio la sua assenza ha suscitato non poche polemiche: «E' stato Crocetta a firmare gli accordi con Eni e Assomineraria, accordi firmati sopra le teste di noi deputati. Serviva la sua presenza» ha detto la capogruppo dei grillini all'Ars, Valentina Zafarana.  

Ha rincarato la dose Toto Cordaro (Pid): «Il presidente Crocetta ha tutto il diritto di farsi rappresentare dal suo vice. Ma per un tema delicato come quello delle trivelle, serviva un confronto diretto col governatore». 

Al posto di Crocetta c'era, infatti,  Mariella Lo Bello, che oltre ad essere assessore alla Formazione è anche vice presidente della Regione. La quale, ovviamente, ha difeso a spada tratta l'accordo con l'Eni e con Assomineraria: 

«L'accordo con Eni ha salvato una realtà produttiva a Gela e ha posto paletti per evitare lo sfruttamento del territorio siciliano d'Orleans. Gli interventi off shore - ha dichiarato l'assessore- sono stati finora gestiti dallo Stato e alla Regione spettava solo un parere. Lo Sblocca Italia invece dispone di concordare gli interventi con le Regioni, che non vanno solo sentite». 

Polemiche e parole a parte, l'Ars, come detto, non ha deciso nulla. 

«Bisogna essere uniti nel far riconoscere la specialità  del nostro Statuto- ha sottolineato il Presidente di Sala d'Ercole, Giovanni Ardizzone,  nel comunicare il rinvio della seduta- le trivelle già ci sono  e dobbiamo combattere la battaglia perché  le imposte sulla produzione rimangano in Sicilia. 

«O riusciamo a fare squadra su queste cose o dovremo piegarci al potere di chi ha i soldi e finanzia l'informazione nazionale sempre pronta a gettare fango su di noi. - ha aggiunto Ardizzone- Mi auguro che martedì ci sarà un dibattito esaustivo che ci faccia prendere atto del percorso avviato, noi possiamo dare al Governo regionale quella spinta in più per essere più forte con l'esecutivo nazionale». 

Nulla di fatto anche sul fronte della mozione di censura  per il segretario generale della presidenza della Regione, Patrizia Monterosso. Atto parlamentare che porta la firma dei parlamentari del Movimento 5 Stelle che  gli uffici dell'Ars hanno dichiarato ammissibile, sul quale ora dovrà decidere l'Aula. 

Pungente l'intervento di Giorgio Assenza (Forza Italia), che ha chiesto lumi su una notizia che vi ha anticipato Meridionews, ovvero che la Ragioneria dell'Amministrazione regionale non ha ancora corrisposto al Parlamento siciliano quasi 50 milioni di euro di quest'anno:

«Non vorrei che questo mancato trasferimento fosse dovuto proprio a questa mozione...I dipendenti di questa Assemblea hanno gli stessi diritti degli altri.  Cerchi di vederci chiaro su questa storia- ha detto il deputato rivolgendosi ad Ardizzone. 

Che ha confermato la notizia e ha cercato di rassicurarlo: «Vero che non sono state trasferite le risorse, ma sul resto non può essere così, non confondiamo le cose». 

Rassicurazioni di circostanza?

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews