Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Fondi per il dissesto idrogeologico,
Legambiente: «Incomprensibile l'esclusione di Messina e Reggio»

Parliamo della lista delle emergenze stilata dal Governo nazionale che include sette città. Ma esclude quella a più alto rischio come la città dello stretto e il capoluogo calabro. Mimmo Fontana: «Sono entrambe grandi aree urbane e presentano sicuramente più rischi di città come Milano o Torino»

Antonella Sferrazza

Non c'è Messina che, secondo Legambiente, è la seconda città in Italia, dopo Genova, per rischio idrogeologici e non c'è neanche Reggio Calabria, che di questa classifica occupa il terzo posto. Parliamo della lista delle emergenze stilata dal Governo nazionale per la prevenzione e il contenimento del dissesto idrogeologico che include sette città (Torino, Milano, Genova, Bologna, Firenze, Roma e Cagliari), per le quali, come vi abbiamo raccontato qua, sono stati stanziati quasi 700 milioni di euro. 

Una lista che, come detto, si fa notare più per le assenza che per le presenze. E che sembra confermare quel trend, più volte denunciate dalla Svimez (l'associazione per lo Sviluppo dell'Industria del Mezzogiorno) di totale disattenzione della Capitale  nei confronti del Mezzogiorno d'Italia. 

Anche quando si tratta di proteggere le sue città e i suoi cittadini da serie minacce? Gianpiero D'Alia,  Presidente dell’Udc ed ex ministro per la Pubblica amministrazione, si dice fiducioso: 

«I 700 milioni di euro per le grandi città rappresentano una parte del piano urgente che contiene anche altri interventi per 494,5 milioni in aree a rischio idrogeologico. Il governo - dice il senatore messinese- sta agendo seguendo criteri di gravità e sono convinto che si farà carico, allo stesso modo e negli stessi tempi, delle situazioni emergenziali siciliane e di tutto il Mezzogiorno che sono identiche a quelle dell'Italia settentrionale».

Stupito, invece, è Mimmo Fontana, presidente di Legambiente Sicilia: «Non capisco quale criterio abbiano usato nella scelta di queste sette città- dice a Meridionews- se da un lato, infatti, è comprensibile cominciare dalle grandi aree urbane, perché lì il valore esposto, ovvero l'insieme dei rischi, è alto, non è comprensibile, dall'altro lato l'esclusione di Messina e Reggio Calabria che sono pure grandi aree urbane e presentano sicuramente più rischi di città come Milano o Torino. 

«Per intenderci - spiega al nostro giornale il Presidente di Legambiente Sicilia- i danni che potrebbe creare l'esondazione del Lambro e del Po non possono essere minimamente paragonati ai danni che le fiumare farebbero a Messina o a Reggio Calabria. La differenza è che in queste due città ci sarebbero sicuramente vittiime, perché le valanghe di fango travolgerebbero centri abitati. Insomma, se quello che è successo a Genova, fosse successo a Messina, adesso si conterebbero le vittime. 

Quindi- conclude Fontana- è ovvio che il Governo nazionale avrebbe dovuto dare precedenza a quelle città dove c'è più rischio per la vita. E nella lista non ci sono».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×