Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Riciclaggio e intestazione fittizia: rinvio a giudizio per 5 persone

La decisione del gup del Tribunale di Caltanissetta riguarda tre ex dipendenti del Gruppo Di Vincenzo e due imprenditori di Avola. Si sospettano operazioni finanziarie occulte in favore dell'ex Presidente dell'Associazione degli edili

Redazione

Cinque persone sono state rinviate a giudizio dal gup del Tribunale di Caltanissetta per riciclaggio di denaro e intestazione fittizia di beni in operazioni finanziarie sospette in favore del costruttore Pietro Di Vincenzo, condannato in via definitiva a 9 anni e 6 mesi per estorsione e per la vendita fittizia della Nova Costruzioni. 

Nel rinvio a giudizio si ipotizza anche la cessione fittizia di un ramo d'azienda sempre a vantaggio dell'ex presidente dell'Ance Sicilia. Il processo comincera' il 13 gennaio. A giudizio andranno tre ex dipendenti del Gruppo Di Vincenzo e due imprenditori di Avola, che dovranno rispondere a vario titolo di riciclaggio e intestazione fittizia di beni. Si tratta di Lucio Cancemi, Michele Dell'Utri, Davide Abbate (tutti di Caltanissetta) e degli imprenditori Giuseppe e Rodolfo Sirugo di Avola (Sr). 

I fondi neri a vantaggio di Di Vincenzo sarebbero di almeno 400 mila euro divisi in 55 libretti intestati a prestanome o identita' di fantasia, il tutto al fine di sottrarre risorse e beni alle misure di prevenzione.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews