Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

L'assalto dei petrolieri in Sicilia
Il «No» di Forza Italia e Ndc

Il deputato azzurro di Sala d'Ercole, Giorgio Assenza, chiede una seduta straordinaria della Commissione Ambiente dell'Ars. E non lesina critiche ai parlamentari nazionali eletti in Sicilia che sono 'scappati' dall'Aula per non mettersi contro il capo del Governo, Matteo Renzi. Contro le trivelle anche il Nuovo centrodestra democratico

Redazione

L'assalto dei petrolieri alla terra e al mare di Sicilia sta scatenando un mezzo putiferio nel mondo politico. E se a Roma i parlamentari siciliani contrari sono scappati dall'Aula per non far vedere a Metteo Renzi che gli votavano contro (qui tutti nomi), i deputati di Sala d'Ercole, piano piano, prendono coraggio e non esitano a schierarsi contro la parte del Decreto 'Sblocca Italia' che, se applicato, rischia di compromettere il futuro della nostra Isola. 

Va all'attacco il parlamentare regionale di Forza Italia, Giorgio Assenza: «Accolgo l’appello dell’Anci, in quanto componente della IV Commissione all’Ars, quello delle associazioni e dei cittadini siciliani, ma ancor più ascolto me stesso e quanto da sempre profondamente credo: il bene della Sicilia e dell’ambiente in generale, che non possono essere piegati a interessi esclusivamente speculativi».

A questo punto Assenza non risparmia qualche critica a chi non ha avuto il coraggio di schierarsi in difesa della Sicilia: «Sottolineo la posizione che alcuni, troppo pochi, senatori e deputati siciliani stanno per fortuna tenendo contro questa annunciata opera di devastazione e, contemporaneamente, voglio stigmatizzare l’opposta posizione di altri componenti della deputazione isolana a Roma: non soltanto di quanti si sono schierati a favore del provvedimento, ma pure di quanti si sono defilati, astenendosi o assentandosi nei momenti decisivi» (tra questi, per esempio, i parlamentari nazionali del Pd, Magda Culotta e il segretario regionale del Pd siciliano, Fausto Raciti, se è vero che entrambi non hanno preso parte alla votazione.  

Assenza annuncia la «presentazione immediata di un ordine del giorno che impegni il presidente della Regione a intervenire dissentendo, anche con una delibera di Giunta». Il parlamentare azzurro chiede inoltre la convocazione «urgente» di seduta della quarta Commissione legislativa dell'Ars (Ambiente e Territorio) «con audizione dei rappresentanti del Governo regionale, dell’Anci, delle associazioni di cittadini e di quelle ambientaliste e delle marinerie siciliane».

«Auspico per intanto - conclude il parlamentare di Sala d'Ercole di Forza Italia - che l’atto di indirizzo approvato dalla Commissione Ambiente al Senato influisca positivamente sulla politica nazionale e annulli la disposizione di Sblocca Italia».  

Per correttezza e completezza d'informazione, va detto che molti parlamentari nazionali di Forza Italia eletti in Sicilia hanno votato contro l'arrembaggio delle trivelle.  

Sulla vicenda interviene anche il capogruppo del Nuovo centrodestra democratico (Ncd) all'Ars, Nino D'Asero, che prende posizione contro le trivelle. “La Sicilia - dice D'Asero - non può essere terra di conquista delle multinazionali e ogni iniziativa di questo genere deve necessariamente passare per un parere del Parlamento siciliano». 

“Bisogna sollecitare il governo nazionale - conclude D’Asero - affinché urgentemente avvii uno studio scientifico accurato sulle conseguenze ambientali di nuove trivellazioni in fondali a forte tipicità naturalistica. A monitoraggio scientifico ultimato, ma soltanto nel caso non si evidenzino nuovi seri problemi di inquinamento e danneggiamento del Canale, si potrà anche parlare di un forte corrispettivo economico, che per il momento non sembra esserci, per la nostra Isola».

Il gruppo parlamentare del Nuovo centrodestra all'Ars ha presentato un atto ispettivo. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews