Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Consorzio bonfica, nell'Ennese tre dirigenti citati in giudizio
Contestato un danno erariale per oltre un milione di euro

Dopo le indagini, la guardia di finanza ha fatto luce nell'arco di tempo che va dal 2012 al 2014 dove, secondo i militari, sono stati incassati soltanto 200mila euro a fronte dei contributi da 1,9 milioni di euro dovuti da imprenditori e proprietari

Redazione

Foto di: Marta Silvestre

Foto di: Marta Silvestre

Un consorzio di bonifica operante nell'Ennese dal 2012 al 2014 ha incassato soltanto 200mila euro dai consorziati che vi aderiscono a fronte di 1,9 milioni di contributi dovuti da imprenditori e proprietari di immobili che hanno usufruito delle opere, degli impianti e dei servizi resi dall'ente. È quanto emerso da accertamenti di militari del nucleo Pef della guardia di finanza del comando provinciale di Enna a conclusione di un'indagine condotta su delega della Procura regionale della Corte dei conti. I magistrati contabili, dopo le controdeduzioni rappresentate dai presunti responsabili, hanno emesso nei confronti dei tre dirigenti che si sono succeduti nel tempo nella gestione del consorzio un atto di citazione in giudizio che contesta loro un danno erariale di 1,7 milioni di euro.

L'indagine è stata condotta su delega istruttoria della Procura regionale della Corte dei Conti. Le indagini hanno interessato le attività rientranti nel novero degli enti pubblici economici preposti dalla Regione alla promozione ed all'organizzazione degli interventi di bonifica del suolo e delle acque del territorio. È stato constatato, in relazione a tali annualità, il mancato versamento da parte dei consorziati, imprenditori e proprietari di immobili che hanno usufruito delle opere, degli impianti e dei servizi resi dall'ente, di una porzione consistente dei contributi consortili che pongono a loro carico. Si tratta di risorse finanziarie indispensabili ai consorzi di bonifica per far fronte ai servizi di gestione, manutenzione e di vigilanza delle opere pubbliche e degli impianti di bonifica e di irrigazione, per la cui riscossione, appunto, gli amministratori e i dirigenti dell'ente hanno il dovere di porre in essere tutte le procedure necessarie. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×