Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

La caduta del governo Draghi e le ripercussioni sulla Regione
Saltano diversi tavoli tecnici, ma il bicchiere è mezzo pieno

La crisi romana taglia le gambe a diversi percorsi intrapresi dall'assessore al Bilancio, che negli ultimi mesi aveva giocato su più fronti in cerca di risorse per la Sicilia. Chiusi in extremis accordi per centinaia di milioni di euro

Gabriele Ruggieri

La scure di Roma che si è abbattuta sulla Finanziaria regionale nonostante l'esecutivo nazionale ormai in dismissione è solo l'ultimo dei colpi di coda del governo guidato da Mario Draghi. Proprio tra le cause dell'eterno rinvio della votazione a palazzo dei Normanni di Bilancio e Legge di stabilità, arrivato infine fuori tempo massimo a inizio maggio, c'è quella dei tanti tavoli aperti dalla Regione con i vari ministeri per tentare di carpire da Roma quanti più fondi possibili e limare, di contro, le pendenze a carico di Palermo. Per questo alla fine ha preso vita la discussione di un Bilancio che presentava un miliardo di euro di fondi congelati, bloccati appunto in attesa della chiusura del dialogo sui vari fronti su cui è stato impegnato l'assessore al Bilancio Gaetano Armao.

Alla fine la crisi di governo ha portato con sé tante di quelle discussioni, che dovranno essere riprese da zero tanto da chi sostituirà Draghi e i suoi ministri, quanto dai nuovi inquilini di palazzo d'Orleans in una trattativa che se non sarà delle più semplici, di sicuro sarà tra le più lunghe, visti i tempi tecnici che proprio non si possono aggirare a questi livelli. In realtà poco male per Armao, che vede il bicchiere mezzo pieno, perché le chiusure giunte in extremis non sono comunque di poco conto. 

«Se avessimo avuto più tempo avremmo ottenuto tante altre cose - spiega il vicepresidente della Regione a MeridioNews - Ne abbiamo definite comunque molte, come la fiscalità di sviluppo, già chiusa e in attesa di delibera e le norme materia finanziaria. Chiusi anche i tavoli sul bollo, da cui arriveranno 32 milioni, oltre i 95 già previsti, e il tavolo sulla retrocessione delle accise in materia sanitaria, un fondo per 600 milioni annui, si aspetta soltanto la formalizzazione».

Inoltre oggi dovrebbero scadere i termini per le risorse aggiuntive previste dal Ddl Variazioni211 milioni per il dimezzamento e il ripianamento del disavanzo, accordo concordato con il ministero dell'Economia e delle Finanze; 375 milioni dall'utilizzo di minori entrate, anche questi concordati con il Mef, che alla Sicilia ha anche riconosciuto 248 milioni di euro provenienti dall'incremento del gettito Iva. Infine, arriveranno anche 20 milioni dalla definizione del riparto per gli enti economici. Un tesoretto complessivo da 854 milioni di euro, che andrà a dare una grossa mano alle casse della Regione, nonostante l'impugnativa sulla Finanziaria. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×