Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Tre bambine siciliane protagoniste allo Zecchino d'Oro
Giulia, Beatrice e Mariapaola portano l'Isola sul palco

Giulia arriva da Gravina di Catania e canterà Come King Kong; Eleonora di Ragusa si esibirà in L'acciuga raffreddata e Mariapaola di Scicli (Ragusa) porterà la canzone Il panda con le ali. Dal 1959 a oggi, sono 66 i siciliani che hanno partecipato 

Redazione

Giulia di Gravina di Catania canterà Come King KongEleonora di Ragusa si esibirà in L'acciuga raffreddata e Mariapaola di Scicli (Ragusa) porterà la canzone Il panda con le ali. Sono loro tre le bambine siciliane che porteranno per l'edizione del 2022 l'isola sul palco dello Zecchino d'Oro. Dal 1959 a oggi, sono 66 i siciliani che hanno partecipato al Festival internazionale della canzone del bambino che quest'anno andrà in onda a novembre su Rai1 con la direzione di Carlo Conti. 

Giulia Baccaro ha dieci anni e arriva da Gravina di Catania (nel Catanese). Sarà lei a cantare la canzone dal titolo Come King Kong, scritta da Gianluca Giuseppe Servetti e Margherita Vicario. L'acciuga raffreddata è il brano (con testo e musica di Gianfranco Fasano e Antonio Buldini) con cui si esibirà Eleonora Busacca, che ha solo sei anni e viene dalla città di Ragusa. Dalla stessa provincia, e precisamente da Scicli, arriva Mariapaola Chiummo che di anni ne ha sette e che canterà la canzone dal titolo Il panda con le ali scritta da Virginio e Daniele Coro. Ci saranno anche loro tre tra i 17 piccoli solisti che interpreteranno le 14 canzoni in gara per questa edizione 2022 dello Zecchino d'Oro e che sono stati scelti tra i 3536 bambini che, da tutta Italia, hanno inviato le proprie video-esibizioni sulla piattaforma dedicata ai casting o hanno fatto sentire la loro voce dal vivo, presentandosi alle tappe organizzate in diverse città. 

I brani selezionati, scelti tra 550 proposte arrivate in Antoniano, «strizzano l’occhio a diverse tematiche sempre più comuni tra i bambini», fanno sapere dall'organizzazione dello Zecchino d'Oro. Così il desiderio di diventare grandi in fretta si contrappone a quello di giocare e godersi i momenti e tematiche sociali e attuali, come la bellezza della diversità e la preoccupazione ambientale, diventano ancora più reali se a esserne portavoce sono i più piccoli. A prestare la loro arte per scrivere le canzoni che i 17 interpreti porteranno sul palco di Rai1 - accanto ad autori storici - saranno anche Checco Zalone, Enrico Ruggeri, Deborah Iurato, Virginio, Cesareo di Elio e le storie tese con Filippo Pax Pascuzzi, Margherita Vicario ed Eugenio Cesaro degli Eugenio in Via di Gioia

I brani saranno raccolti in una compilation firmata Sony music entertainment, con la direzione musicale di Lucio Fabbri, e verranno distribuiti nel corso dei prossimi mesi anche sulle piattaforme digitali. I 17 interpreti, insieme al coro dell’Antoniano, saranno anche i portavoce di Operazione Pane, il progetto solidale dell’Antoniano di Bologna che supporta 17 mense francescane che garantiscono un pasto caldo, ma anche ascolto e conforto, alle migliaia di persone e famiglie in difficoltà in tutta Italia. In particolare, quest’anno Operazione Pane è al fianco della popolazione Ucraina per offrire aiuto e supporto con interventi nel Paese, ai confini e in Italia, dove dall’inizio della guerra continuano ad arrivare migliaia di persone.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×