Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

I detenuti del carcere di Messina che sono diventati attori
«Un laboratorio che è stato anche un percorso rieducativo»

Il teatro per sognare è il progetto dell’associazione D’aRteventi che ha visto protagonisti alcuni carcerati della casa circondariale di Gazzi e diversi studenti dell'Università di Messina. «Abbiamo imparato ad andare oltre i pregiudizi», dicono a MeridioNews

Simona Arena

Non un semplice laboratorio teatrale, ma un'esperienza di vita. Il teatro per sognare è il titolo del progetto ideato e portato avanti dall’associazione D’aRteventi che ha visto protagonisti i detenuti del carcere di Gazzi. Rita, Assunta, Sonia, Vanessa, Erminia, Gaetano B., Angelo, Emanuele, Giovanni F., Giovanni P, Gaetano R., Francesco, Domenico, Lorenzo e Ciccio sono diventati attori della Libera compagnia del teatro per sognare della casa circondariale di Messina e si sono esibiti ieri sera al teatro greco di Tindari. Insieme a loro, sono andati in scena anche alcuni studenti dell’Università di Messina che hanno portato a Tindari Storie da Liolà, lo spettacolo di e con il poliedrico attore e musicista Mario Incudine

«Il progetto è stato sostenuto dalla Caritas con la guida dell’arcivescovo Giovanni Accolla e del direttore padre Nino Basile - spiega a MeridioNews Daniela Ursino, la presidente dell’associazione D’aRteventi - Per la rieducazione dei detenuti è importante uscire dalle mura del carcere e partecipare a questi progetti anche da condividere con gli studenti e le studentesse che hanno preso parte allo spettacolo». Alice Buggè, Dorina Damani, Giulia Lanfranchi, Cristina Maiorana, Adriana Malignaggi, Alessia Mazzù, Ilenia Mobilia, Angela Triolo e Gaia Vizzini. Sono loro studentesse, iscritte ai corsi di Giurisprudenza e Scienze Politiche, che hanno sperimentato attraverso il progetto «nato per fare conoscere a noi futuri giuristi e non solo, il carcere, attraverso il teatro» un percorso rieducativo della pena. «Nel tempo - spiegano alcune di loro al nostro giornale - Abbiamo fatto tante attività di laboratorio e incontri con artisti invitati al teatro Piccolo Shakespeare (che si trova dentro la casa circondariale di Gazzi, ndr)». Un'occasione di incontro che non le ha lasciate indifferenti: «Abbiamo imparato a guardare la vita sotto tanti punti di vista che prima non immaginavamo - confidano - e soprattutto abbiamo imparato ad andare oltre ogni pregiudizio e a lavorare insieme con un unico obiettivo: l’amore per l’arte e, in particolare, per il teatro».

Uno spettacolo che è stato reso possibile dalla collaborazione di tante realtà: «Dalla direttrice della casa circondariale di Messina Angela Sciavicco alla comandante della polizia penitenziaria Caterina Pacileo - elenca Ursino - fino alla presidente del tribunale di sorveglianza Francesca Arrigo e a tutto il dipartimento dell’amministrazione penitenziaria». Sullo stesso palco, insieme, si sono esibiti detenuti, studenti, e anche attori professionisti (come Mario Incudine, Giampiero Cicciò, Federica De Cola, Rita Abele e Miriam Scala) ma anche musicisti, ballerini. «Tutti i costumi - ci tiene a sottolineare la presidente dell’associazione D’aRteventi - sono cuciti dalla sartoria teatrale dell’istituto penitenziario e dalle donne della sezione alta sicurezza, mentre gli oggetti di scena sono stati realizzati dalla squadra della manutenzione ordinaria fabbricati della polizia penitenziaria»

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×