Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Da Lampedusa a Capo Nord in quaranta giorni in bici
«Abbiamo unito passione e cuore. Nulla è impossibile»

Dare una mano all'ambiente e dimostrare che si può andare ovunque senza utilizzare l'automobile. Domenico Romano e Pietro Lo Bue hanno sforato di qualche ora, ma «il magnifico obiettivo è stato raggiunto», affermano a MeridioNews. Guarda le foto

Simona Arena

Settemilacinquecento chilometri in 40 giorni. Da Lampedusa a Capo Nord in bicicletta. Questa la scommessa fatta da Domenico Romano e Pietro Lo Bue lo scorso 6 giugno. Un impegno mantenuto come dimostra la foto del tricolore sventolare insieme ai due cicloturisti. Domenico non era nuovo a simili avventure. Nel 2019 Romano ha raggiunto Londra in bici per acquistare un’ambulanza per il suo paese natio, Spadafora. In quel caso erano stati “solo” 2700 i km percorsi sulle due ruote. Stavolta l’impresa era più impegnativa. Per questo si sono fatti scortare da due camperisti per tutto il viaggio, Francesca Giovarini e Nino Lentini. Per 40 giorni hanno pedalato fianco a fianco coprendo quotidianamente una distanza di circa 200 chilometri. Questi i ritmi che Domenico e Pietro si sono dati per portare a termine Bike for climate, il nome dell’iniziativa patrocinata da Legambiente e sposata dai due appassionati delle due ruote. Attraversata la penisola italiana hanno toccato Austria, Polonia, Repubblica Ceca, Lituania, Lettonia, Estonia, Finlandia, Svezia e Norvegia per poi arrivare sull’isola di Maregoya dove hanno liberato il tricolore.

Durante la loro pedalata hanno visto posti che prima «che prima avevo ammirato solo in foto o in video – spiega Pietro Lo Bue - in Italia abbiamo trovato tantissime persone che ci fermavano per strada». Più tiepida l’accoglienza all’estero anche se «abbiamo incontrato qualcuno che riconosceva questi pazzi partiti d Lampedusa. È stata un’esperienza magnifica che mi ha insegnato come sia importante collegare sempre cervello, gambe e cuore». Tanti gli episodi significativi «forse il più toccante è stato arrivare ad Aushwitz – racconta Romano a Meridionews-. Perché il pensiero è andato a quanti ancora oggi in altri Paesi del mondo sono vittime di simili abusi». Non sono mancate le disavventure. Domenico è caduto dal camper mentre era in Finlandia, e ha guadagnato una bella ferita al capo. «Non sono voluto andare in ospedale perché temevo che mi avrebbero fatto restare almeno una notte e non volevo fermarmi- racconta- Per fortuna è andata bene. L’emozione più grande è stata arrivare a Capo Nord». Perché, se come avevano raccontato a questa testata quando hanno presentato l’iniziativa a Lampedusa, la cosa più difficile era partire.

La sensazione più forte è stata l’arrivo. «Dovevamo arrivare il 17 luglio e abbiamo sforato di qualche ora, invece di arrivare alle 19 siamo arrivati poco prima di mezzanotte – conclude Romano -. Abbiamo dimostrato che nulla è impossibile e che si riesce a fare le cose più impensabili se le fai con costanza e persuasione. E soprattutto quest’esperienza mi lascia la consapevolezza che gli italiani nel mondo siamo grandissimi e sappiano fare tantissime cose». E adesso «che abbiamo la gamba allenata dobbiamo continuare», conclude Lo Bue.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×