Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Corruzione e maxi truffa sui fondi europei, 12 ai domiciliari
Funzionari pubblici coinvolti. «Qualche volta mi arrestano»

L'operazione della guardia di finanza mette sotto la lente d'ingrandimento i soldi del programma di sviluppo rurale e le presunte collusioni all'interno dell'Ispettorato provinciale dell'agricoltura della Regione Siciliana

Redazione

Corruzione e truffa ai danni dell'Unione Europea sui fondi per l'agricoltura, con funzionari della Regione Siciliana coinvolti. Questa l'accusa contestata a vario titolo a 22 indagati, di cui dodici colpiti dagli arresti domiciliari e dieci sottoposti all'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. Nel mirino dipendenti pubblici, oltre a imprenditori e professionisti. L'operazione, denominata Amici miei atto II, è stata condotta dal nucleo di polizia economico finanziaria della Guardia di finanza. Sotto la lente d'ingrandimento i soldi erogati nell'ambito del Programma di sviluppo rurale (Psr) 2007/2013 e 2014/2020

Con lo stesso provvedimento, il giudice per le indagini preliminari ha disposto il sequestro preventivo, anche nella forma per equivalente, di somme e beni per un valore complessivo di circa 2,5 milioni di euro, quale profitto delle condotte delittuose ipotizzate. I reati contestati, allo stato, sono a vario titolo, associazione a delinquere, truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche, corruzione, abuso d'ufficio, falso, distruzione e occultamento di atti e rivelazione di segreto d'ufficio.

Secondo gli inquirenti ci sarebbero stati rapporti illeciti tra funzionari dell'ispettorato provinciale dell'agricoltura e alcuni studi tecnici che si occupavano di redigere i progetti da finanziare. «Voi qualche volta mi fate arrestare a me - diceva un funzionario intercettato - perché una di quelle che avete presto è cessata nel 2011». «Vedi che siamo nei guai per domani, per quel collaudo», si legge in un altro dialogo finito negli atti dell'inchiesta. 

I nomi delle 12 persone finite agli arresti domiciliari: Filippo Cangialosi, 58 anni, funzionario Ipa Palermo; Ciro Spinella, 67 anni, agronomo, di Marineo; Riccardo Puccio, 48 anni, ingegnere, di Marineo; Francesco Sclafani, 73 anni, ingegnere, di Marineo; Antonio Barcia, 45 anni, agronomo, di Marineo; Giuseppe Salerno, 63 anni, di Gangi, funzionario Uia delle Petralie; Giovanni Burriesci, 58 anni, di Mezzojuso, funzionario Uia Misilmeri; Maria Spata, 60 anni, di Bagheria, funzionaria Ipa Palermo, Carlo Alfano, 63 anni, di Palermo, funzionario Ipa Palermo; Giuseppe Vitale, 58 anni, di Palermo, funzionario Ipa Palermo; Giuseppa Fricano, 54 anni, di Bagheria, funzionaria Ipa Palermo; Giovanni Scaduto, 62 anni, imprenditore agricolo di Santa Flavia.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×