Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Cateno De Luca a ruota libera su Gianfranco Miccichè
«Simbolo della banda Bassotti che si spartisce il potere»

Con un'altra diretta Facebook a bordo della sua auto, l'ex sindaco di Messina e fondatore di Sicilia Vera si rivolge al presidente dell'Ars. «Ha bruciato Stancanelli e vuole candidare Monterosso. Ma questo teatrino non va più: se ne deve andare»

Carmelo Lombardo

«Siete solo una banda bassotti che si sta scannando. La vostra è solo una squallida spartizione di potere: questa è una faida che rasenta la mafiosità tra persone che si sono fatti i dispetti da anni, mentre la produttività del parlamento siciliano fa ridere». Cambia bersaglio, ma forse per rammentargli le colpe per interposta persona. Cateno De Luca torna a suo modo, senza mezzi termini e senza lasciare spazio a equivoci, a parlare della situazione in cui versa, a quattro mesi dalle elezioni Regionali, la giunta guidata dal presidente Nello Musumeci, che proprio ieri ha dichiarato di voler andare avanti. L'ex sindaco di Messina di e fondatore di Sicilia Vera da una diretta Facebook fatta direttamente dalla propria auto, stavolta si rivolge al coordinatore siciliano di Forza Italia e presidente dell'assemblea siciliana Gianfranco Miccichè imputandogli di aver bruciato la figura di Raffaele Stancanelli per una possibile candidatura alla guida della coalizione del centrodestra. 

De Luca prova a svelare che il nome su cui virerebbe Miccichè è quello della presidente della Fondazione Federico II Patrizia Monterosso. «È il suo sogno recondito - afferma - Così lui potrà fare l'assessore ai Beni Culturali, gli è presa 'sta cosa della cultura, se n'è innamorato. A me avrebbero dato la carica di vicepresidente e assessore al Bilancio: io a continuare con queste logiche non ci sto. Sono cose talmente squallide che non si possono più portare avanti». Poi invita il presidente dell'Ars a togliere il disturbo. «Ci hai stancato con questo teatrino squallido - dice - Se hai le palle te ne devi andare. Tu hai saputo distribuire bene sia a maggioranza che all'opposizione. Ma ora ti devi togliere dalle balle: tu, Cuffarò, Lombardo. Io il presidente della Regione con questo teatrino non lo voglio fare».

Non manca poi di rivolgersi a Nello Musumeci, che secondo De Luca ha voluto «sottostare a questo teatrino, pur sapendo tutto - continua De Luca - Prima ha mangiato la mela del peccato, poi l'ha sputata. Musumeci è l'unico candidato del centrodestra e Miccichè deve riconoscerlo. Tocca a lui difendere il fallimento di questi cinque anni. Tutta questa banda è sciarriata tra di loro, questi politici sono sciarriati con la Sicilia, che non ha avuto programmazione». De Luca, infine, annuncia una conferenza per il prossimo lunedì, a palazzo d'Orleans. «Comunicheremo a tutti la strategia per far fuori questa banda bassotti», ha chiosato.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×