Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Amianto, correlazione tra tumori e il lavoro sui traghetti
A Messina risarcimento per la famiglia di un lavoratore

In primo grado il tribunale del capoluogo peloritano non aveva dato ragione ad Antonion Ruello, la situazione si è ribaltata con un nuovo accertamento medico-legale. L'Osservatorio nazionale amianto si è occupata del ricorso

Redazione

Arriva dalla Corte d'appello di Messina un'importante sentenza con cui viene certificata la correlazione tra la presenza di amianto a bordo dei traghetti di Ferrovie dello Stato e le malattie comparse al personale che lavorava sulle navi. Il caso è quello di Antonino Ruello, ufficiale e poi direttore di macchina che è stato esposto alle pericolose fibre per 31 anni sena protezione. L'uomo, deceduto nel 2017 all'età di 73 anni, aveva contratto due tumori nel 2007. In primo grado le sue richieste erano state rigettate, poi i familiari hanno visto ribaltare la sentenza. 

Della vicenda si è occupato anche l'Osservatorio nazionale amianto che, con l'avvocato Ezio Bonanni, ha impugnato la sentenza del tribunale di Messina. Nel corso del processo di appello, i giudici hanno disposto un nuovo accertamento legale che ha portato al riconoscimento del diritto alla rendita e i ratei dal 2007 al 2017 - circa 60mila euro - a carico dell'Inail, a cui si sono aggiunti risarcimenti per quasi 42mila euro. La causa proseguirà per il riconoscimento di un tumore al colon, seguito all'esposizione all'amianto.

I dati in possesso dell'Osservatorio nazionale amianto dicono che fino al 2018 sono stati segnalati 696 casi di mesotelioma legati all'attività in Ferrovie dello Stato. A rendere ancora più pericolosa l'esperienza a bordo dei traghetti sono state anche altre fonti di esposizione, tra cui i gas di scarico, di combustibili, olii esausti, lubrificanti e solventi, campi elettromagnetici e pitture. «L'Ona è da sempre in prima linea per la tutela delle vittime dell’amianto in Ferrovie dello Stato - spiega Bonanni - Ricordo, infatti, che già nel 2014 abbiamo ottenuto una importante sentenza della Corte di appello di Roma che, come in questo caso, ha ribaltato gli esiti negativi del primo grado, e che fu confermata poi in Cassazione con un risarcimento che per l’epoca era record, circa 800mila euro. La nostra azione ora proseguirà con la richiesta di bonifica e messa in sicurezza».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×