Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Ragusa, estorcono 50mila euro a un imprenditore
Condannati due appartenenti al clan Trigila di Noto

Si tratta di Angelo Monaco e Paolo Mirmina Spatalucente, sottoposti a 6 anni e 8 mesi di reclusione, che nel 2008 fecero pressione per farsi consegnare la somma di denaro in relazione all'esecuzione di un appalto a Ispica

Redazione

Sono stati condannati a 6 anni e 8 mesi di reclusione ciascuno, per estorsione ai danni di un imprenditore con l'aggravante mafiosa, Angelo Monaco e Paolo Mirmina Spatalucente, indicati dalla direzione distrettuale antimafia di Catania come esponenti del clan Trigila di Noto. I due erano accusati di estorsione a un imprenditore, con l'aggravante mafiosa. La vicenda risale al 2008, periodo in cui l'imprenditore, che aveva vinto un appalto a Ispica, nel Ragusano, si sarebbe rivolto a un intermediario per reclutare un'azienda specializzata nel movimento terra. La sentenza è stata emessa dai giudici del Tribunale di Catania a cui il pm, al termine della requisitoria, aveva sollecitato una pena a 12 anni di reclusione.

Secondo quanto emerso nelle indagini, nacquero delle controversie per il pagamento del lavoro e a distanza di tempo, nella tesi della Dda di Catania, Angelo Monaco, ritenuto reggente del clan Trigila di Noto, avrebbe fatto valere la sua affiliazione alla cosca, con l'aiuto dell'altro imputato, per mettere pressione all'imprenditore che consegnò la somma di 50mila euro. I due vennero arrestati ma rimessi in libertà dopo un ricorso della difesa. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×