Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

La proposta per fare avere ai senzatetto il medico di base
«Serve un documento che attesti l'esistenza della persona»

Un ddl all'Ars prevede l'iscrizione dei clochard nelle liste degli assistiti delle Asp. «Senza un codice fiscale non è possibile», spiega a MeridioNews il presidente dei medici di base Domenico Grimaldi. Intanto, a Catania la soluzione è in via dell'Accoglienza

Marta Silvestre

Foto di: Marta Silvestre

Foto di: Marta Silvestre

«La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti». Così recita l'articolo 32 della Costituzione italiana. Il prerequisito, però, è che l'individuo non solo esista ma possa anche, in un certo senso, dimostrare la propria esistenza. «E, per averne una prova, è necessario che abbia un documento identificativo come il codice fiscale», spiega a MeridioNews il presidente provinciale a Catania della Federazione italiana dei medici di medicina generale (Fimmg) Domenico Grimaldi. Alla fine di aprile, è stato il deputato regionale di Diventerà Bellissima Giorgio Assenza a presentare all'Ars un disegno di legge per l'iscrizione delle persone senza dimora nelle liste degli assistiti delle Aziende sanitarie locali regionali. Un atto importante che, però, per evitare di restare solo sulla carta ha bisogno di alcuni passaggi preliminari. Intanto, nel capoluogo etneo da qualche anno a mettere in campo una soluzione è la Croce Rossa che, tramite una residenza virtuale nella fittizia via dell'Accoglienza, assicura il diritto anche ai clochard. «In questo modo - assicura il presidente Stefano Principato - riusciamo a ovviare al problema». 

L'obiettivo del ddl è quello di garantire alle persone senza dimora, che vivono sul territorio siciliano, l'esercizio effettivo del diritto alla salute e la possibilità di scegliere il medico di base. Al momento, in caso di necessità, i senzatetto fanno riferimento direttamente ai servizi di pronto soccorso. Il concetto di salute, però, è ben più ampio di questo. Basti pensare solo alla prevenzione che ai soggetti invisibili, spesso più fragili di altri, è completamente negata. E sarebbe invece fondamentale, soprattutto per le persone che vivono per strada e che, in alcuni casi, hanno delle dipendenze o dei problemi di natura psicologica quando non psichiatrica. «Da parte dei medici di medicina generale - assicura Grimaldi - non ci sarebbe nessuna remora. Ma il punto è che per essere inseriti nel sistema sanitario nazionale è necessario avere un documento». Una questione che viene superata solo nei casi di urgenza in cui gli aspetti burocratici passano in secondo piano. «Per l'assistenza sanitaria di base, invece - spiega il presidente della Fimmg - serve un certificato che attesti la prova dell'esistenza della persona». 

Con un documento di identità in mano i senza fissa dimora avrebbero diritto ad accedere agli studi medici convenzionati. Ma non solo. «Il medico di base potrebbe emettere a loro nome - fa presente Grimaldi - le ricette per gli accertamenti, le visite e i farmaci. E potrebbero godere delle visite domiciliari pur non avendo una casa». Il medico, infatti, potrebbe raggiungere la persona in qualsiasi luogo risieda anche su un marciapiedi, sotto gli archi o su una panchina. «Nessun medico avrebbe delle remore - assicura il presidente della Fimmg - Ma le istituzioni dovrebbero almeno partire da una sorta di censimento per garantire l'iscrizione all'anagrafe degli assistiti e, quindi, il diritto all'assistenza sanitaria». 

Per ovviare a questo limite, da qualche anno a Catania è stata creata una via che non si trova sulla cartina della città semplicemente perché non esiste: via dell'Accoglienza. Una residenza virtuale per permettere l'iscrizione anagrafica dei cittadini senza fissa dimora. «Ci facciamo carico del domicilio nella nostra sede della Croce Rossa al civico 353 di via Etnea», racconta a MeridioNews Stefano Principato. È a quell'indirizzo che chi non ha una casa riceve la posta e, quindi, anche i documenti che permettono poi pure l'iscrizione all'interno del sistema sanitario nazionale. «Al momento, abbiamo una quarantina di iscritti. Sono persone che conosciamo e a cui andiamo a recapitare ciò che ricevono direttamente nei luoghi della città in cui si sono creati dei giacigli. Grazie a questo servizio - sottolinea il presidente della sezione etnea di Cri - queste persone hanno avuto la possibilità di essere curate, di fare delle visite, di prevenire malattie gravi. In particolare - conclude Principato - c'è stata una signora che, di recente, è venuta a ringraziarci con le lacrime agli occhi perché è riuscita a prendere in tempo e curare un tumore al rene». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×