Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Dia confisca beni a fiancheggiatore Messina Denaro
Uomo era attivo nel mondo delle scommesse online

L'imprenditore è stato condannato a 16 anni nell'ambito dell'operazione Anno zero del 2018. Il blitz fece emergere il ruolo dei due cognati del latitante di Cosa nostra. Sigilli a ditte con sedi a Palermo e Castelvetrano

Redazione

Foto di: pixabay

Foto di: pixabay

La Direzione investigativa antimafia, su decreto della sezione misure di prevenzione del tribunale di Trapani, ha confiscato beni per 300mila euro a un imprenditore di Castelvetrano del settore delle scommesse. Le indagini partono dall'operazione Anno Zero del 2018 che ha portato alla condanna a 16 anni dell'imprenditore, dopo che diversi collaboratori di giustizia avevano confermato l'espansione nella Sicilia occidentale di agenzie di scommesse affiliate a siti di gioco on line riconducibili all'imprenditore in questione, che elargiva soldi ai familiari del latitante capo clan di Castelvetrano e all'organizzazione mafiosa. 

Accanto al sito legale messo su per le scommesse, l'imprenditore ne aveva creato un altro illegale, movimentando denaro contante con un sistema che eludeva la normativa antiriciclaggio. «La ricostruzione eseguita - dice il giudice - evidenzia le modalità attraverso le quali il proposto, pur non essendo inserito organicamente nel sodalizio mafioso, contribuiva in modo significativo al sostentamento economico dell'associazione», entrava in affari con la mafia che richiedeva «un pensiero per familiari di mafiosi in difficoltà». 

La confisca riguarda l'intero compendio aziendale di due società di capitali e una ditta individuale con sedi a Palermo e a Castelvetrano operanti nel settore della ristorazione e dei servizi informatici di gestione di sale giochi e scommesse, un appartamento, un terreno a Castelvetrano, diverse auto e moto, quattro conti bancari, una polizza assicurativa. Beni già sequestrati nel 2019 a seguito di un provvedimento cautelare anticipato, su proposta congiunta del procuratore e del direttore della Direzione investigativa antimafia.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×