L’organizzazione «collaudata» e la forza della mafia dietro i furti d’auto a Catania

Cinquantaquattro furti di auto nel territorio della città e della provincia di Catania, che sarebbe stato spartito tra tre diverse batterie di ladri. Da qui sono partite le indagini che oggi hanno portato all’arresto di 68 persone nell’ambito dell’operazione antimafia denominata Carback. Tra gli arrestati ci sono anche esponenti dei clan Cappello e Cursoti milanesi. I reati contestati sono associazione a delinquere finalizzata al furto di auto oggetto di successiva estorsione con il metodo del cavallo di ritorno o di ricettazione, associazione di stampo mafioso, associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti con l’aggravante dell’agevolazione mafiosa, acquisto e detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio e detenzione illegale di armi e munizioni.

Un primo filone delle indagini, che sono andate avanti dal mese di settembre del 2020 al marzo del 2021, ha permesso di delineare l’esistenza di una collaudata organizzazione, costituita da 45 persone, dedita a furti, estorsioni e ricettazioni, con il coinvolgimento anche di un soggetto gravemente indiziato di appartenere al clan dei Cursoti milanesi. Tre batterie di ladri, responsabili di 54 furti, attive nelle zone di Monte Po’, San Giorgio e San Cristoforo sulla base di taciti accordi che avrebbero previsto una chiara suddivisione del territorio. La batteria di Monte Po’ operava nel quartiere Nesima di Catania e nei paesi etnei, quella di San Giorgio concentrava i propri interessi nella zona di Catania centro, mentre la batteria di San Cristoforo aveva competenza esclusiva sui centri commerciali del capoluogo. Un’organizzazione in cui alcuni avrebbero avuto il ruolo di intermediari: contattati dalle vittime, direttamente o per il tramite di conoscenti, per adoperarsi per avviare l’iter per la restituzione del mezzo.

L’importo di ciascuna delle 33 estorsioni documentate poteva variare tra 300 e 1.500 euro in base al modello e alle condizioni dell’auto, al numero di persone intervenute nell’intermediazione e al rapporto di conoscenza tra gli indagati e la vittima del furto. I veicoli venivano lasciati in sosta per strada, nel pieno rispetto di una regola non scritta in base alla quale ciascuna batteria, prima di disporre del mezzo, attendeva almeno tre giorni. E, questo, per tre diversi motivi: innanzitutto, concedere un congruo periodo di tempo al proprietario del mezzo rubato per mettersi in contatto con la batteria responsabile del furto e intavolare l’illecita trattativa per la restituzione. Il cavallo di ritorno sarebbe stato, infatti, l’obiettivo principale perché garantiva all’associazione importi immediati senza rischi connessi alla gestione del mezzo (dalla custodia al trasporto).

Altro motivo sarebbe stato quello di potere rimediare a eventuali torti, qualora l’auto fosse appartenuta a personaggi di particolare caratura criminale o persone a loro vicine. In quei casi, infatti, si sarebbe provveduto all’immediata restituzione del mezzo. Infine, quel lasso di tempo sarebbe servito anche ad assicurarsi che il mezzo non fosse dotato di dispositivi Gps nascosti e non individuati durante la bonifica del mezzo. Una strategia necessaria per scongiurare il rischio di essere scoperti dalle forze dell’ordine. Qualora le estorsioni non fossero andate a buon fine, trascorsi i tre giorni, le auto rubate sarebbero state destinate alla ricettazione, anche fuori provincia, per l’immissione nel mercato nero di veicoli e parti di ricambi. In questo ambito, sono state denunciate 13 persone per favoreggiamento personale perché avrebbero fornito alla polizia giudiziaria informazioni palesemente false e fuorvianti, aiutando in tal modo gli autori del reato a eludere le indagini.

Un secondo filone investigativo, nel quale sono rimaste coinvolte 30 persone, ha riguardato un ingente traffico di sostanze stupefacenti gestito da un gruppo criminale – con a capo un soggetto gravemente indiziato di appartenere al clan mafioso Cappello – che poteva contare anche sulla disponibilità di armi e munizioni. Al riguardo, sono state censite e monitorate due piazze di spaccio: una nel quartiere Librino e l’altra nel quartiere San Giorgio. Luoghi in cui si vendeva cocaina per un volume di affari di oltre 1000 euro al giorno per ognuna delle due piazze. Gli associati coinvolti in entrambi i filoni d’indagine avrebbero condiviso la stessa base logistica, un autonoleggio nel quartiere di San Giorgio: luogo in cui si concretizzavano gli accordi, gli incontri e i pagamenti relativi alle attività illecite ma soprattutto in cui avvenivano le contrattazioni sulla cocaina, venduta all’ingrosso a circa 42mila euro al chilo. Consegnata ai grossisti in vari punti della città, la droga sarebbe poi stata destinata al rifornimento di altre piazze di spaccio presenti nel capoluogo etneo o in altre province siciliane.

Leggi l’elenco completo delle persone arrestate.


Dalla stessa categoria

I più letti

Cinquantaquattro furti di auto nel territorio della città e della provincia di Catania, che sarebbe stato spartito tra tre diverse batterie di ladri. Da qui sono partite le indagini che oggi hanno portato all’arresto di 68 persone nell’ambito dell’operazione antimafia denominata Carback. Tra gli arrestati ci sono anche esponenti dei clan Cappello e Cursoti milanesi. […]

Cinquantaquattro furti di auto nel territorio della città e della provincia di Catania, che sarebbe stato spartito tra tre diverse batterie di ladri. Da qui sono partite le indagini che oggi hanno portato all’arresto di 68 persone nell’ambito dell’operazione antimafia denominata Carback. Tra gli arrestati ci sono anche esponenti dei clan Cappello e Cursoti milanesi. […]

Cinquantaquattro furti di auto nel territorio della città e della provincia di Catania, che sarebbe stato spartito tra tre diverse batterie di ladri. Da qui sono partite le indagini che oggi hanno portato all’arresto di 68 persone nell’ambito dell’operazione antimafia denominata Carback. Tra gli arrestati ci sono anche esponenti dei clan Cappello e Cursoti milanesi. […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]