Acireale, nulla di fatto per il sopralluogo alla Gazzena Allevatori si rifiutano di fare accedere polizia municipale

Doveva essere la giornata per iniziare a fare chiarezza sulla presenza dell’allevamento all’interno della riserva della Timpa, ma alla fine si è trattato dell’ennesimo nulla di fatto. Stamattina, ad Acireale, la polizia municipale si è presentata all’ingresso della Gazzena, l’area naturale tra le frazioni di Santa Caterina e Santa Maria delle Grazie che costeggia la statale 114. Per l’occasione erano convocati sia i referenti della Dras Costruzioni – la società proprietaria dei terreni un tempo del cavaliere Graci e che oggi, pur facendo parte di una riserva, restano privati – e la donna accusata di avere realizzato insieme al marito un insediamento per il ricovero di capi di bestiame con tanto di caseificio, senza però avere le autorizzazioni del caso. 

«È qui per la ricotta? Dovete tornare sabato», suggerisce una signora mentre porta a passeggio il cane nella stretta via di campagna che porta alla Gazzena. Poco dopo, a bordo delle rispettive auto, arrivano le parti al centro della lite e i vigili urbani chiamati ad accertare lo stato delle cose. Nei mesi scorsi, la Dras Costruzioni ha chiesto alle istituzioni, non solo locali, di intervenire, anche perché, dopo il sequestro effettuato a inizio dell’anno scorso dai carabinieri e dal personale dell’Asp, le attività sarebbero riprese come se nulla fosse. Dopo un primo tentativo andato a vuoto a febbraio, la presenza di imprenditori e allevatori avrebbe dovuto consentire di visionare i luoghi oggetti della contesa. 

Così però non è stato: la Dras Costruzioni ha fatto sapere di non essere in possesso della chiave utile ad aprire il lucchetto apposto al cancello d’ingresso, mentre la moglie dell’allevatore si è opposta alla richiesta della polizia municipale. Un proposito rafforzato anche dal proprio legale che, intervenendo in vivavoce al telefono, ha ribadito che non ci fossero le condizioni per consentire l’accesso. L’incontro si è concluso con i vigili che hanno lasciato il posto, per verbalizzare l’accaduto. Stando a quanto appreso da MeridioNews, l’ingresso è stato rimandato a un’altra occasione quando l’ingresso nella riserva dovrebbe avvenire da un accesso secondario, del quale la Dras Costruzioni possiede le chiavi.

La presenza dell’allevamento non è l’unica criticità legata alla Gazzena. L’area, che il Comune di Acireale vorrebbe acquisire per trasformarla in un parco da destinare alla fruizione pubblica, negli ultimi anni è stata più volte danneggiata da incendi.


Dalla stessa categoria

I più letti

Giustizia per Emanuele Scieri

«Ricordate che in tutti i tempi ci sono stati tiranni e assassini e che, per un certo periodo, sono sembrati invincibili, ma alla fine, cadono sempre, sempre». È da un aforisma del mahatma Gandhi che ha preso spunto l’avvocata Alessandra Furnari nella sua discussione durante il processo per l’omicidio volontario aggravato di Emanuele Scieri, il parà siracusano 26enne in servizio militare trovato cadavere nell’agosto del 1999 […]

«Una macchina di imbrogli e di sotterfugi manzoniana che si è sviluppata sull’esigenza di un costrutto che doveva raccontare un’altra versione dei fatti». Così il procuratore di Pisa Alessandro Crini ha definito la ricostruzione da parte dell’esercito di quanto accaduto all’interno della caserma Gamerra nell’agosto del 1999 nel corso della sua requisitoria a cui è […]

Catania archeologica, l`occasione mancata

In una nota protocollata al Comune etneo a metà gennaio l'associazione di piazza Federico di Svevia chiede di gestire il bene del XII secolo, abbandonato, per garantirne «a titolo gratuito e senza scopo di lucro, la fruibilità». Adesso interrotta dal cambio del lucchetto del cancello da cui vi si accede e dalle divergenze con uno degli abitanti, che risponde: «C'era il rischio per la pubblica incolumità»

I processi a Raffaele Lombardo