Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

A18, frana di Letojanni: ok da conferenza dei servizi
Adesso la gara d'appalto è prevista entro l'autunno

Va avanti, seppur con estrema lentezza, il progetto per eliminare lo smottamento che da quasi tre anni costringe alla chiusura una carreggiata dell'autostrada. Il bando di gara sarebbe dovuto essere pronto entro primavera, ora il Cas fissa una nuova scadenza

Salvo Catalano

Il progetto per intervenire sulla frana che blocca l'autostrada A18 all'altezza di Letojanni va avanti, seppur con estrema lentezza. Oggi è stato messo un altro tassello nel percorso che deve portare al bando di gara: la conferenza dei servizi indetta dal Provveditorato delle opere pubbliche per la Sicilia e la Calbaria ha dato via libera al progetto presentato dal Consorzio autostrade siciliane. 

Un passaggio, quest'ultimo che lo scorso dicembre, al momento di presentare alla stampa il progetto di ricostruzione, la protezione civile aveva valutato fattibile in venti giorni, per arrivare all'apertura dei cantieri entro la primavera del 2018. Siamo a fine giugno, sono passati due anni e otto mesi da quando è franata la collina che ha costretto alla chiusura prima entrambe le carreggiate, poi solo quella in direzione Catania, in mezzo c'è stato un cambio dei vertici del Consorzio autostrade, due indagini giudiziarie sulle causesulla gestione della frana, e adesso all'orizzonte si profila una nuova scadenza entro la quale bandire la gara d'appalto: «Verosimilmente in autunno», spiegano dal Cas. 

Dopo il via libera di oggi da parte della conferenza dei servizi, seguirà - «entro la metà di luglio», scrive il Consorzio in una nota - il parere di verifica del Provveditorato delle opere pubbliche. Quindi si potrà procedere a bandire la gara d'appalto. Il valore degli interventi è di 12,5 milioni di euro (circa nove milioni saranno stanziati dal Cas, il resto dalla protezione civile), e un progetto che prevede la realizzazione di due nuove gallerie, sia lato monte, in direzione Catania, sia a valle, in direzione Messina, oltre a opere a terra e opere di consolidamento della collina. Così facendo si allargherà il piede della frana, per poterlo rendere più stabile e le due gallerie passeranno sotto di essa. L'autostrada, secondo quanto spiegano i tecnici, non verrà chiusa integralmente: prima si lavorerà sulla carreggiata attualmente chiusa, cioè quella in direzione Catania, successivamente sull'altra. 

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×