Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Truffa dei falsi braccianti tra Rosolini e Pachino
Coinvolti 2 commercialisti e 15 imprese agricole

È emerso che molti degli indagati appartengono alla cosiddetta comunità dei Caminanti di Noto, e mentre risultavano formalmente al lavoro in aziende agricole di Rosolini o Pachino, venivano invece controllati dalle forze di polizia del Centro e del Nord Italia. Guarda il video

Redazione

Foto di: radiocl1.it

Foto di: radiocl1.it

Tra Rosolini e Pachino 44 falsi braccianti hanno preso indennità dall'Inps, dichiarando 94.726 giornate lavorative che in realtà non avrebbero mai svolto. Il tutto grazie alla regia di due commercialisti e alla complicità di 15 titolari di aziende agricole, in alcuni casi però inconsapevoli del raggiro. La guardia di finanza di Siracusa, coordinata dalla locale Procura, ha chiuso le indagini che ipotizzano una maxi truffa a danni dell'Inps. Sono indagati due commercialisti, titolari di altrettanti studi, e tre loro collaboratori, 15 imprenditori agricoli e 44 falsi braccianti. L'indagine è partita nel 2013 e si è conclusa nel 2017, portata avanti dai militati della compagnia di Noto con la collaborazione degli ispettori dell'Inps.

Il danno complessivo stimato per le casse dello Stato è di 3 milioni 120mila euro. L'importo è complessivamente riferito a indennità di malattia, maternità e disoccupazione indebitamente percepite negli anni oggetto di indagine da tutti i consapevoli finti braccianti. I commercialisti, comunicando la fittizia instaurazione di rapporto di lavoro subordinato quale bracciante agricolo, hanno tratto in inganno l’Inps che ha erogato così le indennità ai soggetti non aventi diritto. L’attenzione degli investigatori si è focalizzata sulle aziende che hanno mostrato una forza lavoro sproporzionata rispetto ai terreni posseduti e al fatturato.

È inoltre emerso che molti degli indagati appartengono alla cosiddetta comunità dei Caminanti di Noto, e mentre risultavano formalmente al lavoro in aziende agricole di Rosolini o Pachino, venivano invece controllati dalle forze di polizia del Centro e del Nord Italia. I falsi braccianti, che di fatto non hanno mai prestato alcuna giornata lavorativa, avrebbero così anche costruito una posizione contributiva che, in futuro, avrebbe consentito loro di percepire la pensione.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si vota in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Chiamati alle urne anche cinque Capoluoghi: Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. Sfide importanti anche in altri 13 centri superiori ai 15mila abitanti, dove è possibile ...

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×