Gela, RSA legata a ex direttore generale
Chiesto rinvio a giudizio per 32 indagati

Redazione

Cronaca – I pm gelesi chiedono di mandare a processo pubblici ufficiali, amministratori e imprenditori locali nell'ambito dell'inchiesta sulle autorizzazioni di accredito per cento posti letto emesse dall'assessorato alla Sanità in favore della Rsa Caposoprano, di proprietà della famiglia dell'ingegnere Renato Mauro

La Procura di Gela ha chiesto al Gup il rinvio a giudizio per 32 imputati, tra pubblici ufficiali, amministratori e imprenditori locali, a conclusione di un'inchiesta sulle autorizzazioni di accredito per 100 posti letto, emesse dall'assessorato regionale alla Sanità in favore della Residenza sanitaria assistita Caposoprano, di proprietà di una società facente capo alla famiglia del direttore generale del Comune, dell'epoca, ingegnere Renato Mauro

Sono 41 le ipotesi di reato che vengono formulate dai pm, tra cui l'abuso d'ufficio, concussione, falso ideologico, omissione di atti d'ufficio, istigazione alla corruzione, corruzione, omessa denuncia di reato e truffa. L'inchiesta, avviata nel 2014, ha permesso di fare luce su presunte irregolarità (con abusi edilizi e difformità urbanistiche) che sarebbero stati commessi nella ristrutturazione dell'immobile (un ex albergo) eseguita per ospitare laresidenza sanitaria , per un investimento di quattro milioni di euro. 

Una convenzione con l'Asp 2 di Caltanissetta autorizzò 58 posti, come residenze sanitarie assistite per anziani, di cui 38 in regime di convenzione alla società SST Srl, presso la stessa Rsa Caposoprano legata a Mauro, al quale esponenti politici rivolsero l'accusa di avere abusato del suo ruolo di dirigente del Comune. Nella residenza sanitaria assistita lavorano 50 dipendenti.