Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Acate, tra le serre devastate dal vento di scirocco
«Costretto ad abbandonare 4mila euro di piante»

Roberto Cannizzo è uno degli imprenditori agricoli danneggiati dal maltempo. Come altri, non riuscirà a rimettere in piedi la struttura colpita. Un episodio che si somma a una stagione dai prezzi molto bassi. La giunta regionale annuncia di voler stanziare 10 milioni di euro per riattivare il Fondo di solidarietà regionale. Guarda il video 

Valentina Frasca

Una serra intera, con quattromila euro di piantine di peperoni piantate da poco, venuta giù. Siamo ad Acate, in contrada Macconi-Pezza di Fico, nell’azienda del signor Roberto Cannizzo, una delle vittime della violenta ondata di maltempo di sabato scorso. Originario di Genova, gestisce l'impresa a conduzione familiare da circa 25 anni. Di danni, nel corso del tempo, ne ha conosciuti tanti, di indennizzi nessuno. Quelli che il vento di scirocco gli ha causato nel fine settimana ammontano a circa 15mila euro e per il momento la serra rimarrà a terra, come la quasi totalità di quelle danneggiate nel comparto della fascia trasformata. Ci sono le altre da seguire, c’è la produzione da portare avanti, nella speranza che, dopo tanti sacrifici, una volta giunti al mercato il prezzo sia dignitoso. Nelle altre serre le piante crescono rigogliose e i peperoni sfumano dal verde al giallo oro. Il signor Cannizzo li mostra orgoglioso, li regala anche, perché la generosità qui è la normalità e nessuno se ne deve andare via a mani vuote.

Poco più avanti, procedendo tra strade sterrate e distese di plastica, c’è l’azienda Randazzo. Qui i danni sono stati un po’ più contenuti, è venuta giù solo - si fa per dire - la parte di una serra coltivata a pomodoro e molto presto sarà sistemata. Il danno si aggira tra mille e millecinquecento euro, ma non si attenderanno gli aiuti perché i tempi della politica non coincidono con quelli di questi piccoli e medi imprenditori. «Gli uffici stanno procedendo alle prime stime dei danni causati dall’ondata di maltempo che venerdì si è abbattuta nel Ragusano - si legge in una nota dell'assessore regionale all'Agricoltura Edy Bandiera -. Sono in costante contatto con il capo dell’ispettorato provinciale all’Agricoltura, Giorgio Carpenzano, affinché i tecnici della Regione procedano, rapidamente, a definire entità e perimetrazione dei danni. In questo modo - continua - potremo deliberare lo stato di calamità, attivando le provvidenze previste dalla legge». Bandiera sottolinea che la giunta ha previsto «dieci milioni di euro per riattivare il Fondo di solidarietà regionale».

Intanto anche altrove, a Santa Croce Camerina per esempio, intere aziende sono state trascinate via dalla furia dello scirocco. Il vento è cambiato in questo lunedì mattina, adesso soffia da ovest e l’aria è un po’ più fresca. I sindaci dei comuni colpiti si stanno mobilitando, dai palazzi palermitani fanno sapere di essere già a conoscenza della gravità della situazione e le organizzazioni di categoria invitano i produttori a segnalare i danni per procedere a una ricognizione nel tentativo di recuperare qualcosa. Ma qui, in contrada Macconi-Pezza di Fico, tra le serre abbattute e le piantine bruciate dal sole penetrato attraverso brandelli di plastica, regna solo un surreale silenzio.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×