Trapani, lite per la differenziata finisce a coltellate
Operatore e residente passano dalle parole ai fatti

Redazione

Cronaca – Una differenziazione dei rifiuti fatta male, le richieste insistenti per portare via anche la spazzatura per cui quel giorno non era prevista la raccolta. I diverbi tra i due uomini duravano da diverso tempo, ma ieri pomeriggio i due si sono affrontati, uno armato di bastone e l'altro di coltello

Un botta e risposta sulla raccolta differenziata, finito a coltellate e bastonate. I carabinieri di Trapani hanno denunciato due uomini: un residente nella località Xitta e un operatore della Trapani Servizi, protagonisti di una lite finita all'ospedale per entrambi. 

Ieri pomeriggio i militari sono intervenuti in via Ponte Salemi, nella frazione del capoluogo, dopo la segnalazione per un accoltellamento. Sul posto hanno trovato, accasciato a terra, il 37enne C.I., con una ferita da arma da taglio nella parte bassa della schiena, nella zona lombare destra. Quest'ultimo ha raccontato di essere stato colpito da un operatore della Trapani Servizi, la società che si occupa della raccolta dei rifiuti, identificato in seguito nel 58enne D.L., al culmine di un litigio. 

Banali i motivi - battibecchi reiterati nel tempo - che avrebbero portato all'aggressione: il residente avrebbe insistito con l'operatore per portare via rifiuti per cui quel giorno non era prevista la raccolta; dall'altra parte lo stesso residente avrebbe volutamente mischiato in maniera errata le varie frazioni di spazzatura. Dopo diversi diverbi a parole, ieri pomeriggio sono passati ai fatti: il residente armato di bastone, l'operatore con un coltello. 

In ospedale il 37enne ferito con l'arma da taglio è stato giudicato guaribile in tre giorni per la ferita alla schiena e una lieve contusione toracica, il dipendente della Trapani Servizi ha invece riportato lesioni guaribili in dieci giorni per trauma contusivo alla spalla e al braccio destro con ematoma. Entrambi sono stati denunciati in stato di libertà per i reati di lesioni personali aggravate e porto abusivo di armi e strumenti atti ad offendere. Sequestrati sia il bastone che il coltello a serramanico usati durante la lite.